Buona la prima

Nibbiano & Valtidone: buona la prima.
Ma anche la seconda, la terza, la quarta…

Partenza stellare dei blucerchiati valtidonesi nel campionato di Eccellenza:
12 punti in 4 partite e primato in classifica

Il buongiorno si era già visto dal mattino, prima in amichevole precampionato col Piacenza Calcio, quando i blucerchiati (spesso in maglia gialla per ragioni scaramantiche), dopo essere stati addirittura in vantaggio per 3-1 con Ramundo e una doppietta di Piccolo, avevano inchiodato sul 3-3 i professionisti biancorossi di Lega Pro, e poi al debutto in Coppa Italia quando avevano superato al primo turno per 3-1 con irrisoria facilità i ripescati del Gotico Garibaldina con reti di Piccolo, Cremona e un eurogol di Volpe. Ma che il debutto in campionato fosse così scoppiettante, malgrado la riconosciuta qualità degli elementi accasati dal presidente Alberici e dal direttore sportivo Merli, se lo aspettavano davvero in pochi. Alla sua quarta promozione in 4 anni, e nonostante la squadra sia stata rinnovata al sessanta per cento, la matricola valtidonese è riuscita a stupire anche nell’avvio di un campionato  impegnativo come quello di Eccellenza conquistando l’intera posta nelle prime quattro partite e trovandosi ora a condividere il primato in classifica a punteggio pieno con i “cugini” piacentini del Vigor Carpaneto e i modenesi della Sanmichelese di Sassuolo. Dopo aver replicato, alla prima giornata tra le mura amiche, la vittoria di Coppa con il Gotico Garibaldina grazie a una doppietta di Piccolo (leggi qui la cronaca di Libertà), i ragazzi di mister Perazzi hanno asfaltato per 4-1  bolognesi dell’Axys Valsa nella seconda partita casalinga, ancora con un tris di Piccolo e un gol del giovane Boselli (leggi qui la cronaca di Libertà). Altri 6 punti sono arrivati nel giro di una settimana nelle due successive trasferte. Prima a Modena, con il Cittadella Vis San Paolo, trafitto con un bolide su punizione di Jakimovski a metà del primo tempo e poi contenuto sino alla fine senza correre seri rischi (leggi qui la cronaca di Libertà); e infine a Colorno dove la giovanissima squadra locale è riuscita a imbrigliare nel primo tempo un Nibbiano&Valtidone un po’ appannato in alcuni elementi, ma che si è poi risvegliato nella ripresa andando subito a segno con Boselli, facendosi poi raggiungere da un gol di Fabris viziato da un vistoso fallo sul portiere, tornando in vantaggio con un grande affondo di Marmiroli e mettendo al sicuro il risultato con il solito Piccolo. Il secondo gol del Colorno, frutto di un rigore inesistente concesso allo scadere, fissava il risultato sul 3-2 (leggi qui la cronaca di Libertà). Domenica prossima 25 settembre ci aspetta il confronto con i modenesi del San Felice sul Panaro distanziati di 8 punti in classifica. Un incontro, sulla carta, non proibitivo. Sperare nel quinto acuto  non è vietato.

StampaEmail

La grande avventura in Eccellenza

7 agosto 2016

E’ partita la grande avventura in Eccellenza
della nuova ASD Nibbiano & Valtidone

Domenica 7 agosto 2016 è una data che resterà scolpita nell’albo della ormai quasi novantennale storia dell’ ACD Nibbiano e della USD Valtidone. Nello stesso tempo una fine e un nuovo inizio. Come ormai anticipato da qualche tempo, con la presentazione della nuova società e della nuova squadra dell’ASD Nibbiano & Valtidone, avvenuta sul campo Armando Molinari di Nibbiano alla presenza di un folto pubblico, è stata ufficializzata la fusione tra le due gloriose compagini valtidonesi, che affondano entrambe le radici nel lontano 1927. Giusto vent’anni fa, infatti, da un’altra fusione tra il Real Valtidone di Trevozzo e l’US Pianellese e era nata l’ASD Valtidone che della società di Pianello aveva quindi ereditato, oltre che le strutture, anche la storia. Va dato atto ai presidenti delle due società ora divenute una sola (Valter Alberici del Nibbiano e Sergio Bollati della Valtidone) di aver portato in porto un’iniziativa lungimirante, superando con coraggio anacronistiche, ma in alcune frange di pubblico, ancora radicate, rivalità campanilistiche. La nuova realtà societaria consentirà infatti ai tifosi dei comuni di Nibbiano, Pianello e altri circostanti, di seguire non solo la prima squadra in un campionato di alto livello come quello regionale di Eccellenza, ma di vedere all’opera sui campi Pio Zuffada di Pianello, Armando Molinari di Nibbiano e Michele Pietrasanta di Trevozzo ben 5 squadre giovanili (Juniores regionali, Allievi provinciali, Giovanissimi, Esordienti e Pulcini) oltre a un’attrezzata Scuola Calcio, coinvolgendo nella pratica sportiva un gran numero di giovani del territorio, che oltre a essere un potenziale serbatoio da cui attingere forze nuove per la prima squadra, costituiscono comunque il futuro della società.

Il passato dell’ACD Nibbiano e dell’ASD Valtidone resterà comunque consultabile sui precedenti siti web nibbianocalcio.it e asdvaltidone.pianellovaltidone.net, mentre potrete seguire su questo sito tutte le notizie relative alla nuova società.

 

L'organico dell'ASD Nibbiano&Valtidone schierato in occasione della presentazione ufficiale. Da sinistra in piedi: il D.S. Merli, i dirigenti Dotti, Guglielmetti, Cardu e Gianluigi Varesi, Ballerini, Ramundo, Silva, Boselli, Topalovic, il presidente Alberici, l'allenatore Perazzi, De Matteo, Arena, Bianchi, Bufo (in prova non confermato), Colla, Guidotti, Cabrini, Colicchio, la massaggiatrice Carlappi,i dirigenti Bollati, Quadrelli, Cavalli e Grandi. Accosciati: Comini, Bernazzani, Jakimovski, Cremona, Rosignoli (poi ceduto al Vigolo), Marmiroli, Volpe, Frigoli, Piccolo, El Yamani, il dirigente Cerutti e il collaboratore tecnico Cipelli. Mancano nella foto il neo acquisto Luca Ruopolo e il dirigente Gigi Varesi, impegnato nell’allestimento della riuscitissima cena sociale.

StampaEmail

Pareggio a Carpineti

A Carpineti non basta un bel gol di Arena.
Blucerchiati raggiunti nella ripresa: 1-1

Senza la grinta di Cremona in attacco
il Nibbiano & Valtidone fallisce diverse occasioni
e subisce il ritorno dei reggiani

Matteo Cremona (nella foto mentre impegna tre avversari nella partita con l’Axys) è stato costretto al forfait contro il Carpineti.

Leggi qui la cronaca di Libertà

 

StampaEmail