ARCHIVIO NEWS

Per un’ora la partita perfetta, poi la resa

Sul più bello (2-0) finisce la benzina
e la Correggese ci supera di slancio (2-3)

Per tutto il primo tempo e i dieci minuti iniziali del secondo abbiamo davvero fatto vedere i sorci verdi alla fortissima capolista mandandola sotto di due reti. E se vogliamo vedere il bicchiere mezzo pieno di questa bruciante ma onorevolissima sconfitta diciamo subito che per un’ora abbiamo potuto ammirare il miglior Nibbiano&Valtidone degli ultimi due anni, sia a livello di gioco che di personalità. Peroni giganteggiava in una difesa ben registrata intorno all’asse Davini - Di Placido mentre Aspas, Marmiroli e Jakimovski costituivano un insuperabile filtro a centro campo capace di smorzare le pur veementi offensive degli avversari e di sostenere, sulle fasce, le punte Di Gennaro e Mandelli portando spesso lo scompiglio nella difesa biancorossa. Tanto è vero che nella prima frazione, oltre alla splendida inzuccata-gol di De Matteo i valtidonesi hanno creato almeno quattro nitide occasioni da rete contro una sola dei reggiani, ben neutralizzata in angolo da Ziglioli. Quando, al primo giro di lancette della ripresa Di Gennaro siglava il raddoppio con un gol dei suoi a fil di palo sembrava proprio che la clamorosa vittoria sulla più forte squadra del girone fosse davvero a portata di mano. Invece, improvvisamente, il centrocampo andava in affanno per il gran dispendio di energie profuso, mentre gli ospiti, con l’ingresso di Mustica e Corbelli imprimevano ancora maggiore slancio a un ritmo di gara già elevatissimo aggredendo la nostra difesa non più adeguatamente protetta riuscendo a ribaltare il risultato in soli 19 minuti. L’ingresso di Gomis e Filipov a meno di dieci minuti dal termine – a partita ormai compromessa – è apparso tardivo e sarebbe probabilmente stato meglio effettuarlo a inizio ripresa quando si sono palesati in alcuni atleti i primi sintomi di carenza d’ossigeno. Ma si sa che del senno di poi son piene le fosse… Ora a mister Perazzi non resta che ripartire dal tanto di buono che i suoi ragazzi hanno fatto vedere in questa partita e nella trasferta di Fiorano, terza forza del campionato (v. locandina), dove potrà finalmente disporre del nuovo centravanti Pablo Gonzalez, tornare a inseguire quella vittoria troppe volte sfuggita per un soffio ma che può e deve essere nel DNA di questa squadra.

Il pallone perfettamente inzuccato da De Matteo si infila proprio nel sette della porta difesa da un esterefatto Sorzi. E’ il 25’ del primo tempo, il periodo in cui la squadra del presidente Alberici esprime il suo gioco migliore. Poi, nella ripresa, il raddoppio, il calo e la sconfitta. (Foto Massimo Bersani) .

Leggi qui la cronaca di Libertà

 Guarda qui la sintesi video di Telelibertà

 

Valtidonesi padroni del campo non sbloccano lo 0-0

Domato il Felino
ma ci manca il colpo del ko

Durante e alla fine della partita i sostenitori del Nibbiano&Valtidone hanno più volte invocato un viaggio a Lourdes per far benedire la squadra alla quale non sembra andarne dritta una. Anche oggi, nella tana del coriaceo Felino, forse nella miglior partita giocata dall’inizio del campionato, i ragazzi del presidente Alberici non hanno certo avuto l’ausilio della dea bendata. Un rigore calciato sul palo (quarto legno centrato nelle ultime tre partite) dal solitamente infallibile Jakimovski, due gol annullati per fuori gioco (di cui uno molto discutibile) all’ancora una volta ottimo Dioh, una decina di calci d’angolo senza frutto e un intero secondo tempo giocato nell’area dei padroni di casa con diverse occasioni mancate, costituiscono l’dentikit della partita, ben diversamente da quanto riportato dalla cronaca di Libertà, evidentemente rielaborata da una corrispondenza parmense (v. sotto), che lascia intendere un equilibrio che assolutamente non c’è stato. In un incontro di pugilato i nostri avrebbero largamente meritato di vincere ai punti, ma poiché nel calcio valgono solo i palloni che varcano la linea bianca, al Nibbiano&Valtidone è mancato solo (e non è poco) l’ uomo d’area capace di buttarla dentro finalizzando il bel gioco costruito dalla squadra. Con i bomber Di Gennaro, ancora convalescente, Piccolo, appena operato di menisco e Pablo Gonzalez in attesa del transfer dall’Argentina, mister Perazzi deve far quadrare i conti con le forze disponibili tra le quali, per ora, manca proprio un ariete al centro dell’attacco. Confortanti conferme giungono comunque dalla difesa e dal centrocampo, nonchè dalle due giovanissime punte Mandelli e Dioh: ed è a questo gruppo, sempre meglio affiatato, che sono affidate le speranze di riuscire a fare lo sgambetto alla fortissima capolista Correggese di scena, domenica prossima, al Pio Zuffada (v. locandina).

Dioh (all’estrema destra nella foto) ha calciato e il pallone è finito nel sacco, ma l’arbitro - per la seconda volta – gli nega la gioia del gol per un fuori gioco molto discutibile.

Leggi qui la cronaca di Libertà

 

La Folgore graziata ci castiga in rimonta (1-2)

Un gol da Dio(h)
non ci salva dall’inferno

Quando Rinieri alla mezz’ora della ripresa azzeccava il tiro della domenica che si infilava proprio all’incrocio, alle spalle dell’incolpevole Ziglioli, il pareggio dei reggiani sembrava già penalizzante nei confronti dei padroni di casa per quanto di buono il Nibbiano&Valtidone aveva fatto vedere sino a quel momento. Figuriamoci poi quando, allo scadere, è arrivata addirittura la sconfitta decretata da un’imparabile legnata di Milos Malivojevic lasciato però libero di calciare indisturbato. In precedenza, dopo lo strepitoso gol di tacco di Dioh al 19’ del primo tempo, nella ripresa, ancora sull’1-0, due legni avevano negato la gioia del raddoppio a una magistrale punizione di Di Gennaro e a un’ennesima conclusione di Dioh (senza dubbio il migliore in campo insieme a Jakimovski e a un Di Gennaro apparso improvvisamente risanato dai suoi acciacchi). Ma questa è la spietata legge del calcio. Quando domini per circa un’ora, segni, crei altre numerose occasioni da rete ma non riesci a chiudere la partita arriva poi fatalmente il ribaltone che ti manda all’inferno proprio quando già cominciavi a intravedere il paradiso. E così è successo: una Folgore troppe volte graziata ha ripreso coraggio gettandosi in avanti, incurante di aprirsi ai numerosi contropiede dei nostri che, un po’ per sfortuna un po’ per colpa, non hanno saputo approfittarne e nel quarto d’ora finale, dopo che un grande Ziglioli aveva salvato per due volte il risultato, è riuscita a cambiare volto alla partita. A mister Perazzi, in attesa di avere a disposizione l’atteso bomber Pablo Gonzalez, il compito di dare ai suoi ragazzi quel tanto di concentrazione, cinismo e “cattiveria” necessari, sino all’ultimo secondo di ogni incontro, per non disperdere in pochi minuti quel tanto di buono che la squadra dimostra di saper costruire nel resto della partita. A cominciare da domenica prossima in casa dell’ancora imbattuto Felino (v. locandina) dove i nostri andranno ben decisi a non recitar la parte…né dei salami né dei topi.

L’estremo difensore degli ospiti Burani si salva in corner da un’ennesima incursione di Dioh. Il diciottenne centravanti, autore del gol del vantaggio e di un palo, è stato per tutto l’incontro un’autentica spina nel fianco della difesa reggiana.

Leggi qui la cronaca di Libertà

 Guarda qui la sintesi video di Telelibertà

Colpo di mercato del presidente Alberici

A sorpresa arriva Pablo Gonzales
ventisettenne bomber argentino

Allo scopo di rendere più incisiva una prima linea che in queste prime partite ufficiali, malgrado il buon gioco espresso, è parsa penalizzata dai problemi fisici che affliggono Piccolo (non ancora sceso in campo) e Di Gennaro (che ha giocato solo alcuni spezzoni di partita), il presidente Alberici, di concerto con direttore generale, direttore sportivo e allenatore ha deciso, un po’ a sorpresa per tutti, di riaprire una campagna acquisti che sembrava già conclusa. E’ così arrivato alla corte di mister Perazzi l’attaccante argentino, con passaporto italiano, Pablo Alberto González De Pauli, 27 anni , con un recente passato tra Argentina e Messico dove ha giocato con le maglie del Queretaros, Gimnasia Y Tiro, Atletico Pellegrini, Mitre e Sant Antonio, tutte società che militano in campionati equivalenti alle nostre serie C e D. Il bottino dei gol realizzati in carriera dal bomber argentino è di tutto rispetto: 130 centri messi a segno in otto anni, con una media di oltre 16 reti a campionato. Una media che Presidente, dirigenti e tifosi del Nibbiano&Valtidone si augurano riesca a mantenere anche nel nostro campionato d’Eccellenza.
In bocca al lupo gaucho!

Pablo Alberto Gonzales, come lui preferisce farsi chiamare (ma è più conosciuto col cognome De Pauli), esulta dopo un gol segnato con la maglia del Club Villa San Antonio di Salta (Argentina) 
sua ultima società di appartenenza prima del trasferimento al Nibbiano&Valtidone

Guarda qui il video di presentazione con alcuni gol segnati in carriera da Pablo Alberto De Pauli Gonzales 

 

Bis dell’Agazzanese nel derby di campionato

Fotocopia della sconfitta di Coppa (1-2)
anche coi titolari in campo

La proprietà commutativa applicata al calcio: cambiando le formazioni delle due squadre, il risultato (purtroppo per noi) non cambia. Si è assistito infatti oggi al Felice Baldini di Agazzano alla fotocopia della partita di Coppa di mercoledì scorso, con la differenza che per il derby di campionato gli allenatori hanno schierato tutti i titolari disponibili e questo avrebbe dovuto, sulla carta, favorire il Nibbiano&Valtidone per il maggior tasso tecnico complessivo degli uomini di Perazzi. Abbiamo invece assistito ancora una volta a una sterile supremazia territoriale che si spegneva ai limiti dell’aria avversaria o che non trovava la via del gol nelle occasioni da rete che riusciva a creare: clamorosa quella fallita da Mandelli nel primo tempo sullo 0-0 a tu per tu col portiere e sfortunatissima la traversa piena centrata da Jakimovski sullo 0-1. Gli avversari invece si sono difesi con ordine facendo prevalere una maggiore fisicità e dimostrandosi ancora una volta più cinici e concreti riuscendo ad andare a segno due volte su tre occasioni da rete create, sempre approfittando di nostre amnesie difensive: la prima proprio allo scadere del primo tempo e la seconda al quarto d’ora della ripresa quando il povero Ziglioli, che era sulla traiettoria del tiro, è stato beffato da un fortunoso rimpallo su Girometta. A un quarto d’ora dal termine un gol rapina di Dioh (positiva la sua prestazione) è sembrato poter riaprire i giochi, ma nè l’ancora sofferente Di Gennaro né il nuovo acquisto Gomis, ancora a corto di condizione, inseriti nel finale da mister Perazzi hanno potuto dare quell’apporto che sarebbe stato necessario per completare la rimonta. Così l’undici della Val Luretta è riuscito a condurre in porto una vittoria che non può definirsi immeritata. Per vedere un Nibbiano&Valtidone più incisivo in attacco c’è solo da sperare che i due bomber Piccolo e Di Gennaro superino al più presto i loro problemi fisici e possano scendere in campo al meglio delle loro (tante) possibilità. Intanto domenica prossima si torna tra le mura amiche per affrontare la forte Folgore Rubiera (v. locandina), attuale capolista insieme alla Correggese.

Foto sopra:il bel gol di Dioh che è sembrato poter riaprire la partita a un quarto d'ora dalla fine.
Sotto, la clamorosa occasione fallita sullo 0-0 da Mandelli (solo a pochi passi dalla porta)
che avrebbe potuto dare un'altra piega alla partita. La staffilata del giovane Tommy,
che in allenamento non sbaglia un colpo, è invece finita incredibilmente a lato

Leggi qui la cronaca di Libertà

 Guarda qui la sintesi video di Telelibertà

E’ l’Agazzanese a brindare in Coppa (2-1)

Il passaggio del turno
sfuma sul palo di Mandelli

L’aperitivo di Coppa al derby ben più importante di campionato che si giocherà domenica prossima sempre ad Agazzano (v. locandina), ha premiato nel risultato i padroni di casa, mentre sul piano del gioco e delle occasioni create il Nibbiano&Valtidone avrebbe largamente meritato il pareggio e quindi la qualificazione al turno successivo. Entrambi gli allenatori hanno però dimostrato da subito di non essere particolarmente interessati al cammino in Coppa Italia schierando due formazioni imbottite di giovani e lasciando a riposo molti dei “pezzi da 90”. Dopo dieci minuti iniziali in cui il bandolo del gioco è stato in mano all’undici della Val Luretta che ha trovato subito il vantaggio a seguito di un fortunoso rimpallo in area ed ha anche fallito un calcio di rigore, i nostri hanno condotto la danza per il resto del primo tempo e per buona parte della ripresa. Il pareggio veniva alla mezz’ora a seguito di un’azione personale con gran gol di Filipov e da quel punto in poi i valtidonesi sono sembrati non avere difficoltà a controllare la partita. A metà ripresa però, un pasticcio difensivo cui non è estraneo il secondo portiere Matarrese (apparso pericolosamente gigioneggiante in troppi interventi) ha consentito a Visioli di riportare i suoi in vantaggio. A quel punto Perazzi giocava la carta Mandelli per riacciuffare il pareggio (e la conseguente qualificazione) e per poco il colpo non gli riusciva, ma la staffilata del sempre bravissimo Tommy a 5 minuti dal termine si stampava sul palo. Confortante comunque la prestazione di molti dei giovani schierati che hanno confermato di potere essere, all’occorrenza, una valida alternativa ai titolari.

Oltre al solito Mandelli, che ha giocato solo il quarto d’ora finale sfiorando il gol, il centrocampista Daniele Bottazzi (a sinistra) ex Piacenza e il difensore Gabriele Caruso, ex Carpaneto, entrambi classe 2000 sono stati, tra i giovani schierati da mister Perazzi ad Agazzano, quelli che hanno fornito la prestazione più convincente. (Foto Carla Cassi)

Leggi qui la cronaca di Libertà

 

Debutto casalingo con vittoria e buon gioco

Un missile di Marmiroli
abbatte una tosta Bagnolese

Un autentico eurogol di Marmiroli dopo solo 10 minuti, con staffilata al volo diretta imparabilmente all’incrocio dei pali, è stata sufficiente al Nibbiano&Valtidone per aver ragione di una Bagnolese confermatasi squadra solida e temibile secondo le previsioni. Inizio spumeggiante dei nostri che appena prima e appena dopo il gol del vantaggio creano e sprecano con Hoxha due ghiotte occasioni da rete. Anche Mandelli alla mezz’ora fallisce il raddoppio su delizioso assist di Aspas. Bravi poi gli uomini di Perazzi a contenere il ritorno dei reggiani che si rendono pericolosi più volte nella parte finale del primo tempo, trovando però sempre la porta valtidonese sbarrata da un impeccabile Ziglioli. Partita combattuta ed appassionante anche nel secondo tempo, seppur a ritmi più ridotti per il gran caldo, con continui capovolgimenti di fronte. Positivo, in questa frazione di gioco, il debutto del giovane Mounna Dioh, entrato al posto di Hoxha e apprezzabile in fase di interdizione a centrocampo il gran lavoro di Filipov apparso però spesso impreciso negli appoggi. Come sempre ad alto livello la prova di Marmiroli e Jakimovski ed eccellente, tra i difensori, la prestazione di Elia Peroni. Peccato per Bernazzani costretto a uscire poco dopo il suo ingresso per il riacutizzarsi del problema al ginocchio operato: a lui i migliori auguri perché possa riprendersi in fretta. E ora ci aspetta il doppio derby nella tana dell’Agazzanese che incontreremo due volte in soli 5 giorni, prima in Coppa Italia e poi in campionato (v. locandine). Una vera prova del fuoco che il positivo inizio di stagione
ci induce comunque ad affrontare senza paura.

L’occasione del raddoppio fallita da Mandelli alla mezz’ota del primo tempo: liberato da Aspas a tu per tu col portiere, tocca debolmente consentendo all’estremo difensore avversario di bloccare la sfera. Positiva comunque anche oggi la prova del giovane attaccante. (Foto Massimo Bersani)

Leggi qui la cronaca di Libertà

Il signor Benevelli reinventa le regole del calcio

Scippata la vittoria a Rolo
da uno sciagurato arbitraggio: 1-1

Dopo lo splendido gol del vantaggio segnato al 77’ da Di Gennaro, a cinque minuti dal termine un direttore di gara del tutto inadeguato ignora un plateale fallo di Bonacini che spinge alle spalle e atterra Davini (vedi sequenza fotografica sotto) per rubargli il pallone propiziando così il gol del pareggio di Ouaden. Non basta. Dopo aver concesso un recupero di 6 minuti, quando mancano ancora più di 30” al termine, col nostro Tommy Mandelli diretto in porta e pronto a calciare a rete, il signor Benevelli interrompe l’azione fischiando la fine in barba a ogni regola. “A ghem robè la partida” ha commentato un gruppo di sportivissimi tifosi locali al termine dell’incontro: e questo la dice tutta sull’ingiustizia subita. Per il resto, dopo un primo tempo equilibrato, ma un po’ confusionario da entrambe le parti, nella ripresa, soprattutto dopo l’ingresso di Filipov che dava maggior dinamismo al centrocampo, i nostri si facevano preferire per gioco e occasioni create con un Mandelli ancora una volta imprendibile folletto che confezionava un assist perfetto per il neo entrato Di Gennaro, subito giustiziere infallibile con una gran fiondata all’incrocio dei pali. Poi lo scippo di cui si è detto, che toglie agli uomini di Perazzi due punti meritati. Domenica prossima esordio casalingo da non perdere con la Bagnolese, altra blasonata pronosticata tra le favorite del girone (v. locandina)

Nella foto sopra la staffilata all’incrocio di Di Gennaro vanifica l’estremo tentativo di Della Corte. Sotto la sequenza dell’episodio incriminato: Bonacina, giunto alle spalle di Davini, che controlla il pallone, lo spinge decisamente da tergo buttandolo a terra per carpirgli la sfera. Un fallo plateale, senza se e senza ma, che il direttore di gara ha ritenuto incredibilmente di non punire.  Guarda qui il video dell'intera azione.

Leggi qui la cronaca di Libertà

 

E adesso il passaggio del turno si decide ad Agazzano

E’ frizzante l’aperitivo in Coppa
col Salsomaggiore: 2-0

La partita d’esordio in Coppa Italia d’Eccellenza ha confermato le buone attitudini messe in mostra nella vittoriosa amichevole con la Pergolettese dagli uomini del Perazzi-bis. Soprattutto nella prima mezz’ora la squadra ha sciorinato un gioco come non vedavamo da tempo con due reti in soli venti minuti. Subito al 5’ Arena (…anche lui bis) ha messo ha segno con chirurgica precisione una punizione delle sue dimostrando di non aver perso il vizio in quest’anno di esilio. E poi capitan Jakimovski ha realizzato alla Spartacus un rigore procurato da Mandelli che anche oggi, come tecnica di gioco e personalità, ha confermato di essere molto più di una promessa. Per il resto della partita i valtidonesi si sono limitati a controllare gli avversari che, malgrado un certo predominio territoriale, sono raramente riusciti ad impensierire Ziglioli e a superare una difesa in cui il nuovo acquisto Davini ha messo in mostra doti (anche vocali) di regista. Ora, dato che i salsesi hanno ceduto di misura in casa anche con l’Agazzanese, il passaggio del primo turno di Coppa si deciderà il 12 settembre col derby in Val Luretta. Nel frattempo i nostri eroi sono attesi dall’impegnativo debutto in campionato a Rolo (v. locandina).

Christian Arena (nel riquadro in alto sommerso dall’abbraccio dei compagni) è sembrato voler mettere subito a tacere i critici di un suo ritorno nelle file del Nibbiano&Valtidone realizzando, dopo solo 5 minuti, una punizione perfetta a fil di palo, con l’incolpevole portiere Bonati che può solo limitarsi a osservare il pallone che si infila in rete. (Foto Massimo Bersani)

Leggi qui la cronaca di Libertà

Positivo l’esordio in amichevole con la Pergolettese

Battuta (2-1) una signora squadra
costruita per andare in C

Pur senza Aspas e Di Gennaro il rinnovato Nibbiano&Valtidone gioca alla pari con i forti cremaschi che militano nella serie D lombarda con non celate ambizioni di promozione. Buona l’intesa tra vecchi e nuovi con Marmiroli e Jakimovski già in forma campionato e due giovani talenti, il camerunense Dioh e il nibbianese Mandelli, in vena di far scintille. Cazzamalli (già Piacenza e Pro Piacenza) porta in vantaggio gli ospiti, ma il nuovo acquisto Hoxha riequilibra le sorti a fine primo tempo con un gol da attaccante vero. Nella ripresa, dopo uno sterile predominio territoriale della Pergolettese, i valtidonesi, malgrado siano più a corto di preparazione, crescono alla distanza e nel finale ribaltano il risultato con un gol gioiello del diciottenne Dioh. Allo scadere l’altro diciottenne Mandelli legittima la vittoria con una gran tiro che si stampa sulla traversa. Dopo questa vittoria senza posta in palio ma comunque di buon auspicio, domenica prossima si comincia a fare sul serio con la prima di Coppa Italia,
che vede ospite il Salsomaggiore al Pio Zuffada (v. locandina).

Due protagonisti della vittoria sulla Pergolettese attesi all riprova in Coppa e Campionato. A sinistra Fabio Hoxha, 25 anni, cresciuto nelle file dell’Inter, autore del gol del pareggio. A destra Tommaso Mandelli, 18 anni, proveniente dalle giovanili del Piacenza, che ha confezionato l’assist per il gol di Dioh e ha colpito una traversa. Tommaso è anche l’unico nibbianese doc presente in squadra e gode quindi di un particolare sostegno da parte dei tifosi.

Leggi qui la cronaca di Libertà

 

Ufficializzato il nuovo volto del Nibbiano&Valtidone

Ritorno al futuro
per una stagione da protagonisti

A sorpresa tornano il mister Massimo Perazzi, Piccolo e Arena per ripartire da quanto di buono era stato fatto nella penultima stagione e, con l’innesto di alcuni elementi di rilievo, puntare a un campionato da primi posti. I difensori Di Placido e Davini, il centrocampista Aspas e la punta Hoxha sono i colpi di mercato, oltre al diciottenne attaccante Mandelli. Riconfermati Ziglioli, De Matteo, Bernazzani, Peroni, Paesotto, Filipov, Jakimovski, Marmiroli e Di Gennaro. Ancora incerto Silva. Insieme all’ex allenatore Tassi partono Criscione, Lorusso, Tacchinardi, Abate, Calzi, Mangiarotti, Buscaglia e Sinigaglia. Nello staff tecnico Sebastiano Cavalli assume il ruolo di direttore generale mentre Marco Parma è il nuovo direttore sportivo. La società è ora alla ricerca di validi “under” per completare la rosa.

Massimo Perazzi, richiamato dal presidente Alberici alla guida del Nibbiano&Valtidone, ha guidato l’ASD Nibbiano alla promozione in Eccellenza nella stagione 2015/2016 e la compagine nata dalla fusione tra Nibbiano e Valtidone nella stagione 2016/2017. Dopo un brillante girone d’andata, con 5 vittorie consecutive nelle prime 5 partite, la squadra di Perazzi, alla sua prima esperienza in Eccellenza, aveva poi subito una flessione nel girone di ritorno terminando a metà classifica. Nel prossima stagione è nei propositi del mister, oltre che negli auspici del Presidente e dei tifosi, lottare al vertice sino al termine del campionato.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Chiusura in tono minore e sconfitta contro una forte capolista

Formazione squilibrata per 60 minuti
e il Rosselli Mùtina ne approfitta: 2-3

Resta l’amaro in bocca per la mancata cinquina di vittorie consecutive e un miglior congedo dai tifosi valtidonesi, ma il Rosselli Mùtina visto oggi per tutto il primo tempo e un quarto d’ora del secondo è apparso nettamente più forte costringendo spesso il Nibbiano&Valtidone a una difesa in affanno e a solo sporadici contropiede. Favorito anche da un certo squilibrio della formazione di casa, con Lorusso esterno spesso proiettato in attacco (dove non eccelle come nel suo ruolo difensivo naturale) e Di Gennaro visto troppo spesso a giostrare ai limiti della nostra area anzichè di quella avversaria. Se si aggiunge un Calzi non in giornata di grazia (con Marmiroli per troppo tempo lasciato in panchina) si capisce che è stato concesso troppo a un avversario di rango e dalle elevatissisme motivazioni. Poi al quarto d’ora della ripresa, con l’ingresso di De Matteo e Filipov e successivamente di Bernazzani, la squadra si è riequilibrata giocandosela alla pari con i modenesi che non sono più apparsi i marziani del primo tempo, ma sono stati costretti a soffrire per difendere il vantaggio fino alla fine. Da segnalare la scandalosa mancata espulsione di Serra nel primo tempo (che avrebbe potuto cambiare il corso della partita) per un’ entrata killer su Paesotto e le eccellenti prestazioni di “Spartacus” Jakimovski e di Criscione, incolpevole sui gol subiti, ma che in diverse occasioni si è superato evitando guai peggio

Nicolò Criscione anticipa gli attaccanti del Rosselli Mùtina con una plastica uscita. Il giovane portiere valtidonese (classe 1999) malgrado i tre gol subìti (due dei quali imputabili esclusivamente a svarioni dei suoi compagni di reparto e comunque tutti imparabili) è stato anche stavolta uno dei migliori in campo
(foto Massimo Bersani)

Leggi qui la cronaca di Libertà

 

Anche senza Mangiarotti prosegue la serie di vittorie

Con Sinigaglia protagonista
espugnato Sant’Agostino 0-1

Prosegue il filotto di vittorie (quattro consecutive) della ritrovata compagine del presidente Alberici che, anche in terra ferrarese, ha dimostrato di essere diventata squadra vera, capace di supplire con una condotta di gara accorta e concreta a un’assenza importante, come quella dello squalificato Mangiarotti eroe delle ultime giornate. Una difesa più che mai solida (un solo gol subìto nelle ultime sei gare) che festeggiava il ritorno in campo di Bernazzani, a otto mesi dal grave infortunio di Zola Predosa, ha controllato senza danni la sfuriata iniziale dei padroni di casa per poi trarre il massimo profitto dalla superiorità numerica derivata dalla giusta espulsione di Slimani. Nella ripresa, con la sola parentesi di un tiro di Ciarlantini finito sulla traversa, era il Nibbiano&Valtidone a menare le danze con ripetute occasioni da rete propiziate dalla coppia Di Gennaro - Sinigaglia in giornata di grazia. Ed è stato proprio il nostro numero nove, a venti minuti dal termine a fiondare in rete un prezioso assist del compagno di reparto, mancando poi il raddoppio nel finale solo grazie a un prodigioso intervento del portiere. Per l’ultimo incontro di campionato, domenica prossima contro il Rosselli Mùtina (v. locandina) in lotta con l’Axys per la promozione in D, il riconfermato mister Tassi ha chiamato i suoi a una gara di massimo impegno, non solo per cercare di chiudere in bellezza la stagione con una vittoria ma anche per dimostare che, giocando sempre così, a contenderci il primato con le due protagoniste
avremmo potuto esserci anche noi.

Davide Sinigaglia dopo tante partite dove si è speso generosamente e tanti gol falliti per un soffio non ha fallito la mira contro il Sant’Agostino e la sua rete è risultata decisiva per la vittoria.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Anche la penultima ci imbriglia sullo 0-0

A Bibbiano polveri bagnate
e arriva l’ennesimo pareggio

Complici le diverse assenze, il Nibbiano&Valtidone non dà seguito alla prova tosta
fornita nel derby. Oltre a Buscaglia e Peroni i valtidonesi
hanno dovuto rinunciare anche a Marmiroli e Jakimovski
(entrato solo nel quarto d’ora finale) e il centrocampo ne ha risentito.
Il Bibbiano San Polo si fa preferire nel primo tempo,
mentre gli uomini di Tassi guadagnano campo nella ripresa
senza però impensierire il portiere avversario Iori per i troppi passaggi sbagliati
ed errori di tiro in fase offensiva. Ogni buona trama si è spenta regolarmente
ai limiti dell’area avversaria e ancora una volta si è avuta la conferma
che quando Di Gennaro non va a segno la via del gol diventa una chimera.
Il bicchiere mezzo pieno è che comunque il punticino guadagnato
muove la classifica in chiave salvezza mantenendo invariate le distanze
con le avversarie dirette. Una posizione che, prima della pausa pasquale,
può essere consolidata nel recupero di mercoledì prossimo
col Fiorano (v. locandina)

Una delle tante occasioni mancate da Sinigaglia, ancora una volta ammirevole per l’impegno
e il gran movimento ma impreciso e sfortunato nelle conclusioni

Leggi qui la cronaca di Libertà

Agazzanese affondata da una magia di Di Gennaro

Una perla nel fango
riaccende la luce

Undici leoni in maglia giallonera nella palude del Pio Zuffada hanno avuto ragione
dei combattivi biancorossi dell’ Agazzanese senza mai conceder loro
un attimo di tregua sotto una pioggia gelida e battente che è caduta
incessantemente durante l’arco dei 90 minuti. Ci voleva un terreno
oltre i limiti della praticabilità unito alla determinazione di riscattare
la bruciante sconfitta subita nel derby d’andata per tirar fuori il cuore
e l’orgoglio dei ragazzi del presidente Alberici e di mister Tassi,
tra i quali è difficile eleggere un migliore in campo. Forse "gatto" Silvestri
e "Spartacus" Jakimovski sono quelli che per doti fisiche si sono trovati
più a loro agio su un terreno ridotto a risaia, ma tutti gli altri,
a partire da capitan Tacchinardi meritano di essere messi sullo stesso
elevato piano di rendimento. Ha risolto il solito Di Gennaro
che è riuscito ad affondare un autentico colpo di fioretto pur in condizioni
di stabilità impossibili. Un gol che vale tre punti preziosissimi
e che riaccende la luce su un campionato che stava rischiando
di finire nell’ ombra. Ora la trasferta di domenica col Bibbiano San Polo
e il recupero casalingo di mercoledì 28 marzo con il Fiorano (v. locandine)
ci diranno se l’iniezione di fiducia che viene da questa vittoria
servirà a dare continuità e qualità al rendimento della squadra

Una foto emblematica delle condizioni proibitive in cui si è giocato: il centrocampista biancorosso Galli
impegnato in una fase di… pallanuoto, sotto lo sguardo perplesso di Mangiarotti (di spalle),
Marmiroli e di alcuni compagni di squadra

Leggi qui la cronaca di Libertà

Grave infortunio a Buscaglia nell’1-1 di Busseto

Ancora regali e sprechi col Pallavicino
ma stavolta è anche jella…

Col Pallavicino il Nibbiano & Valtidone sconta i suoi ormai abituali difetti
ma nel recupero di Busseto anche la sfortuna ha recitato la sua parte
scombinando la squadra nel suo momento migliore. Mangiarotti all’avvio
trova subito il gol e Sinigaglia fallisce il raddoppio, poi coi valtidonesi
padroni del campo e il Pallavicino alle corde, Buscaglia
– che aveva iniziato alla grande - è vittima di un grave infortunio
(frattura scomposta del setto nasale) e deve lasciare il campo. Da quel momento
la squadra va un po’ sotto chock e perde la brillantezza iniziale.
Alla mezz’ora un clamoroso malinteso difensivo consente a Corbari
di raggiungere il pareggio con quello che resterà l’unico tiro in porta dei parmensi.
Sino alla fine del primo tempo e per tutto il secondo il Nibbiano riprende
a dominare territorialmente ma ancora Sinigaglia e subito dopo Selicato
(subentrato a Buscaglia) si divorano il gol del vantaggio,
imitati da Mangiarotti proprio allo scadere. Due punti persi,
più che uno guadagnato che ci mantengono sul filo dei play out
proprio alla vigilia del derby casalingo con un’Agazzanese
in piena salute (v. locandina)

A sinistra Mangiarotti, autore della rete del momentaneo vantaggio e, a destra, lo sfortunato Buscaglia,
vittima del grave infortunio che lo terrà probabilmente lontano dai campi di gioco per molte domeniche.
Una pesante perdita per mister Tassi e per l’intera squadra
in un momento particolarmente delicato del campionato.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Prima sconfitta nel girone di ritorno

Il Nibbiano & Valtidone regala e spreca,
la Sanmichelese ringrazia e vince

La lunga sosta del campionato per maltempo non ha giovato ai ragazzi di Tassi
che a Sassuolo sono tornati al vizio antico di sprecare occasioni da rete
per regalare poi il gol della vittoria agli avversari. I valtidonesi
sono padroni del campo per i primi quaranta minuti
senza però trovare la via del gol, poi Di Gennaro si avventura
in un dribbling ai limiti della propria area regalando palla agli avversari
che vanno facilmente in rete con Casta. Il secondo tempo segna
uno sterile predominio del Nibbiano & Valtidone che trova tuttavia il modo
di sprecare con Buscaglia una clamorosa occasione da rete.
La Sanmichelese soffre ma resiste. La sconfitta è immeritata sul piano del gioco,
ma se non si segna il merito conta poco. Adesso siamo in lotta
per evitare i play out e il recupero di mercoledì prossimo col Pallavicino,
che precede il derby con l’Agazzano (v. locandine),
assume i connotati di una vera e propria sfida per la salvezza

La clamorosa occasione fallita da Buscaglia a tu per tu con il portiere. Il giovane esterno
(oggi schierato al centro dell’attacco al posto di Sinigaglia entrato a metà ripresa)
è stato comunque tra i migliori in campo insieme a Tacchinardi, Silvestri, Jakimovski e Mangiarotti.
Menzione d’onore per la bravissima direttrice di gara Chiara Sangiorgi,
una spanna sopra tanti suoi colleghi maschi.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Fermi anche tutti gli altri campionati dilettanti

Le partite della 25a giornata di Eccellenza
(ottava di ritorno) rinviate per il maltempo

Salta, per ora, il confronto diretto di Busseto col Pallavicino
e si riprende domenica 4 marzo in casa con il Fiorano,
quinta forza del campionato (v. locandina)

Anche la Cenerentola esce con un pareggio dal Pio Zuffada: 2-2

Prime o ultime per noi... pari sono

Sei pareggi nelle ultime sette partite: tre contro le prime tre della classe
e tre contro le ultime tre. Il Nibbiano & Valtidone, dall’inizio del girone di ritorno,
sembra non fare differenze. Qualunque sia il livello dell’avversario
sempre in parità finisce. Così come ci esaltiamo lottando alla pari
contro le squadre più forti, così ci deprimiamo contro le più deboli
adeguandoci al loro livello. Un inspiegabile saliscendi di rendimento
che lascia perplesso e un po’ amareggiato lo stesso mister Tassi. A questo punto,
dato che ormai le posizioni di vertice si allontanano sempre più,
si dovrebbe puntare a una tranquilla salvezza iniziando a lavorare per il futuro.
L’importante è che il pubblico, apparso ultimamente un po’ troppo freddo
e distaccato, non faccia mancare il suo calore e il suo appoggio alla squadra,
prendendo esempio dai sostenitori della Casalgrandese che,
malgrado i loro beniamini siano ultimissimi con soli 7 punti,
non hanno smesso di incitarli dal primo all’ultimo minuto.
Domenica prossima a Busseto con il Pallavicino (v. locandina),
di appena un punto avanti a noi, ci attende un incontro da combattere
all’arma bianca perché in questo caso i tre punti valgono doppio!

Nelle riprese di Marco Ricci i 4 gol (Mangiarotti e Di Gennaro per il Nibbiano & Valtidone,
due volte Aracri per gli ospiti) e i momenti più salienti della partita. Notevole la rovesciata
di Filipov che ha colpito il palo in avvio di partita e due grandi parate di Criscione.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Uno scialbo 0-0 che fa comodo solo ai parmensi

A Salsomaggiore andamento lento.
Per risalire occorre più grinta

Nemmeno contro la compagine parmense, terzultima in classifica,
il Nibbiano & Valtidone è riuscito a ingranare la marcia della continuità
di rendimento. Come a Fidenza (con la Fidentina, penultima) ai valtidonesi
è mancata la grinta che erano stati capaci di mostrare contro le prime della classe,
e altri due punti preziosi sono stati lasciati per strada. La squadra ha mantenuto
per tutta la partita un ritmo blando favorendo l’impostazione difensiva dei salsesi.
Così, se il reparto arretrato, dove Tacchinardi ha validamente sostituito
lo squalificato Lorusso, non ha praticamente corso rischi, le occasioni da rete
create dalle punte sono state poche e quelle poche gettate al vento.
Con Di Gennaro non al meglio della condizione, la via del gol sembra divenuta
una chimera. E allora, in attesa di diventare grandi, sarà bene guardarsi
alle spalle perchè, con tanti punti persi con le squadre più "accessibili"
si è finiti sull’orlo dei playout. A questo punto domenica prossima al Pio Zuffada
contro il fanalino di coda Casalgrandese (v. locandina) la vittoria, per la Tassi band,
più che un auspicio diventa un imperativo categorico

Una delle occasioni da rete senza esito del Nibbiano & Valtidone. Sinigaglia calcia da buona posizione
al centro dell’area piccola ma il suo tiro verrà agevolmente controllato dal portiere avversario.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Con la Folgore un combattuto 0-0

Fermata un’altra grande del campionato
ma la classifica non rende giustizia

Contro la Folgore Rubiera il Nibbiano & Valtidone disputa un incontro gagliardo
dimostrando ancora una volta di poter reggere tranquillamente il confronto
con tutte le squadre di alta classifica. Solida la difesa, orchestrata dall’impeccabile
coppia centrale Lorusso-Silvestri e forte il centrocampo con Jakimovski,
Calzi e Marmiroli (ancorchè quest’ultimo stavolta un po’ giù di tono).
L’attacco ha però ancora una volta confermato che quando mancano le invenzioni
di Di Gennaro per gli altri, tutti più mezze punte che punte vere, riesce difficile
trovare la via della rete. Per questo, malgrado le buone prove fornite
dall’inizio del girone di ritorno, la classifica si muove molto lentamente.
Per farla decollare occorre vincere gli incontri con le squadre
tecnicamente meno dotate. A cominciare da domenica prossima
a Salsomaggiore (v. locandina) e subito dopo in casa con la Casalgrandese,
anche se queste due pericolanti, nell’ultima giornata, hanno dato
evidenti segni di risveglio che sarà bene non sottovalutare

L’occasione fallita da Sinigaglia alla mezz’ora del primo tempo. Di Gennaro libera il centravanti
al centro dell’area ma il suo tiro uscirà a lato di un soffio. Sinigaglia mobilissimo,
anche se non fortunato nelle conclusioni, sfiorerà il gol ancora due volte nel finale:
prima un bel diagonale gli viene respinto di piede dal portiere Burani
e poi un suo bolide di controbalzo fa la barba alla traversa.

Leggi qui la cronaca di Libertà

A Fidenza il Nibbiano & Valtidone non decolla

Per diventare una vera grande
manca ancora un "quid"

È vero che il pari per’1-1 in casa della Fidentina è pur sempre il quarto
risultato utile consecutivo, ma considerato il divario tecnico
tra le due squadre e le belle prove fornite contro le prime tre della classe,
dai valtidonesi era lecito aspettarsi qualcosa di più. Dopo un primo tempo scialbo
coi portieri praticamente inoperosi, il Nibbiano & Valtidone,
con un bruciante inizio ripresa, sembra intenzionato a ripetere
la pirotecnica prova fornita contro il Rolo. Dopo essere andata in vantaggio al 10’
con un’europunizione dal limite di Mangiarotti e aver sfiorato il raddoppio
con l’ottimo Sinigaglia, la squadra non cerca di chiudere la partita
ma si limita a controllare, ripiegando nella propria area e concedendo
agli avversari addirittura 5 calci d’angolo consecutivi! Ciononostante la Fidentina
non sembra riuscire a farsi mai davvero pericolosa finchè, proprio allo scadere,
capitan Ferretti trova, da fuori area, l’eurogol dell’insperato pareggio.
Alla squadra, che alterna fasi di bel gioco a inspegabili pause manca ancora
quel "quid" necessario a diventare una vera grande. Il prossimo impegnativo
confronto casalingo con la Folgore Rubiera (v.locandina)
ci dirà se mister Tassi sarà riuscito a colmare questa lacuna


Due momenti del gol che ha dato il vantaggio al Nibbiano & Valtidone.
Sopra: Mangiarotti ha calciato una magistrale punizione dal limite
e il pallone sta scendendo per infilarsi all’incrocio dei pali.
Sotto: la sfera è nel sacco con l’incolpevole portiere Ghiretti rimasto di stucco.
All’ultimo minuto però Ferretti pareggerà i conti con un altrettando splendido eurogol.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di SportParma

Gran ribaltone nella ripresa: da 0-2 a 4-2

Un secondo tempo da favola
e il Rolo vede le streghe

Inizio da incubo che vede gli ospiti, subito in vantaggio col terzino Casarano
lasciato uccel di bosco in piena area su calcio d’angolo,
andare al raddoppio alla mezz’ora con Napoli apparso in netto fuori gioco.
Noi accusiamo il doppio colpo e reagiamo confusamente
ammassandoci a centro campo senza trovare la via della rete.
Ma nell’intervallo mister Tassi deve aver strigliato a dovere i suoi ragazzi
perchè nella ripresa entra in campo un’altra squadra: è il Nibbiano & Valtidone
dei sogni che i tifosi aspettavano da tante domeniche.
La squadra si allarga sulle ali e inizia a macinar gioco di alta qualità.
Di Gennaro ribadisce il suo titolo di capocannoniere raggiungendo il pari
con due gol in un quarto d’ora (il secondo su rigore). A questo punto il Rolo,
secondo in classifica e imbattuto da 14 giornate, appare in completa balìa
dei valtidonesi che prima lo stendono con Buscaglia e poi lo "matano"
definitivamente con Mangiarotti, mancando inoltre altre occasioni da rete.
Dopo il trittico di ferro con le prime della classe (due pari e una vittoria)
i nostri eroi hanno dimostrato di non essere secondi a nessuno.
Se questo è l’auspicato "nuovo corso" lo vedremo
già da domenica a Fidenza (v. locandina)

Due protagonisti della splendida vittoria sul Rolo: Daniel "Spartacus" Jakimovski (a sinistra),
autentico gladiatore del centrocampo e il fantasista Riccardo Buscaglia che ha firmato il gol del sorpasso.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Positive conferme nell’1-1 con l’Axys Zola

Ancora Criscione e un magico Di Gennaro
mettono il morso alla capolista

Dopo la bella prova di Bagnolo il Nibbiano & Valtidone non ha deluso le aspettative
contro la prima della classe tenendole testa con autorità e conquistando
un pareggio strameritato. La squadra sembra finalmente avere acquistato
in solidità e compattezza. Gran reazione alla bruciante partenza degli ospiti
con un’altra magia di bomber Di Gennaro che impatta il gol del vantaggio di Peluso.
Poi baby Criscione sventa da campione le poche occasioni dell’Axys,
mentre nel finale Buscaglia e Marmiroli falliscono di un soffio la rete del vantaggio.
Gran prova in difesa di Silvestri, Lorusso e De Matteo e, a centrocampo,
di Jakimovski, Marmiroli e Calzi (ancorchè in ritardo di condizione)
supportati dal gran movimento di Sinigaglia.
Domenica prossima, ancora in casa, con la nuova
damigella d’onore Rolo (v. locandina) per confermare che nei duelli al vertice
possiamo ancora essere protagonisti malgrado i tanti punti di distacco.

I due gol e una breve sintesi della partita nelle riprese di Telelibertà

Leggi qui la cronaca di Libertà

Spettacolare 0-0 con la seconda in classifica

Buona ripartenza a Bagnolo
con baby Criscione sugli scudi

Malgrado le importanti assenze di Mangiarotti e Ziglioli, squalificati,
e di Marmiroli, febricitante, il Nibbiano & Valtidone ha bene impressionato,
al giro di boa del campionato, giocando alla pari in casa della forte Bagnolese
e sfiorando più volte il vantaggio. Pericolosi anche i reggiani
in almeno tre occasioni sventate alla grande dal giovanissimo portiere Criscione
che, al suo esordio, ha mostrato la sicurezza di un veterano.
Giusto quindi il pareggio che ha messo in evidenza
le reali potenzialità dei valtidonesi se riuscissero a giocare
sempre con la grinta e la continuità di oggi.
Il prossimo impegno casalingo con la capolista Axys Zola (vedi locandina)
è l’occasione ideale per confermare i progressi dimostrati
e farci capire se possiamo sperare in un girone
di titorno finalmente all’altezza delle aspettative

I neo acquisti Nicolò Criscione (a sinistra), portiere diciottenne proveniente dalla Beretti del Piacenza,
e Giampaolo Calzi, 32 anni, mediano, svincolato dall’Olginatese ma con lunga esperienza anche in serie B e C,
hanno entrambi esordito contro la Bagnolese.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la presentazione dei due nuovi acquisti su SportPiacenza.it

Terzo e inatteso ko consecutivo

Sconfitta… sull’orlo di una crisi di nervi

Brutta débacle interna col tutt’altro che irresistibile Sant’Agostino.
Primo tempo sottotono dove comunque Di Gennaro fallisce dal dischetto
l’occasione per portarsi in vantaggio. Il bomber si rifà con un gran gol
nella ripresa pareggiando la rete che gli ospiti avevano nel frattempo segnato
approfittando della solita amnesia difensiva dei valtidonesi.
Poi a Ziglioli e Mangiarotti saltano i nervi e si fanno espellere
lasciando i compagni in nove nel quarto d’ora finale. Paradossalmente
la squadra riprende a giocar bene proprio in grave inferiorità numerica
sfiorando addirittura il vantaggio, ma all’ultimo minuto, sbilanciata in avanti,
si fa infilzare dai ferraresi per l’1-2 finale. Nella pausa natalizia mister Tassi
dovrà lavorar duro sul piano psicologico, oltre che su quello tecnico,
per ripresentare al giro di boa una squadra all’altezza delle aspettative
sinora deluse. Si riprende il 7 gennaio in casa della Bagnolese,
seconda in classifica (v. locandina)

Daniele Di Gennaro, capo cannoniere del girone d’andata con 15 reti in 17 partite, ha fallito col Sant’Agostino
il rigore del possibile vantaggio (suo primo errore dal dischetto in questo campionato) ma ha poi segnato,
con uno dei suoi consueti bolidi nel sette, la rete del momentaneo pareggio.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Al Braglia ancora una sconfitta (2-0) frutto dei nostri errori

Chi è causa del suo mal pianga se stesso…

Purtroppo non serve giocar bene se si perde la testa nei momenti decisivi
sbagliando reti e regalandole invece agli avversari. Anche a Modena la squadra
non è riuscita a concretizzare una superiorità tecnica dimostrata per lunghi tratti,
mentre la Rosselli Mutina ha invece capitalizzato le poche occasioni
che le si sono presentate. Spiace che stavolta a sbagliare siano stati due
tra i migliori in campo: il bomber Di Gennaro che ha fallito incredibilmente un gol
da tre metri a portiere battuto e Paesotto che ha perso
ingenuamente palla al limite dell'area.
Poi ci si è messa anche la iella con la sfortunata deviazione nella propria rete
del debuttante Lorusso (anche lui tra i migliori)
e con la traversa centrata da Di Gennaro nel tambureggiante assedio finale.
Il recupero infrasettimanale col Sant'Agostino (v. locandina)
ultima occasione per rendere meno amara la conclusione del girone d'andata

Una delle tante azioni del Nibbiano & Valtidone (in maglia grigia) nell’area del Rosselli Mutina,
che però non hanno portato al gol. I pochi attacchi dei padroni di casa hanno invece sempre fatto male
soprattutto grazie ai nostri errori: 2 reti assurde (il già descritto autogol di Lorusso
e Cozzolino lasciato libero a centro area di segnare di petto!)
precedute da un palo esterno e da una grande parata di Ziglioli.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Campagna acquisti, altro botto

Preso Mangiarotti
30 gol nel Pavia

Il presidente Alberici e l’allenatore Tassi hanno ufficializzato l’annuncio dell’acquisto più importante di questa campagna acquisti invernale. Si tratta del pavese Christian Mangiarotti, 26 anni, ruolo seconda punta, e una carriera tutta trascorsa tra società di serie C e D com’è possibile vedere dal suo curriculum riassunto nella tabella qui sotto.

Prima del suo approdo al Nibbiano & Valtidone Mangiarotti aveva giocato in Eccellenza solo nello scorso campionato nella sua città natale, il Pavia, dove ha messo a segno la bellezza di 30 reti trascinando la squadra alla promozione in serie D.

Sono invece sul piede di partenza il centrocampista Vesce e i due giovani attaccanti Bertocchi e Galtarossa, già fuori squadra da alcune settimane.

Fonte: tuttocalciatori.it

4 giorni decisivi per il futuro in campionato

Domenica 17 alla ribalta del "Braglia",
mercoledì 20 recupero col Sant’Agostino

Il rinvio per neve della scorsa partita obbliga il Nibbiano & Valtidone
a un tour de force in quattro giorni che ci saprà dire quale ruolo
potrà recitare la squadra nella seconda fase del campionato.
Domenica prossima a Modena ci attende l’impegnativo esame
col Rosselli Mutina sul palcoscenico del mitico «Braglia»,
uno stadio da serie A capace di oltre 20.000 posti.
E subito mercoledì 20 il recupero casalingo col Sant’Agostino (v. locandine).
Per questi incontri, terminate le lunghe procedure necessarie per il tesseramento,
Tassi potrà finalmente disporre anche del coreano Lee Young Wok

Lee Young Wok, 27 anni. L’ attaccante sudcoreano, che ha scelto "Eric" come nick name,
dopo quattro mesi d’attesa è più che mai smanioso di scendere in campo per dimostrare quanto vale.

New entry

Lorusso, un centrale difensivo alla corte di mister Tassi

Ancora una new entry nella rosa del Nibbiano & Valtidone. Si tratta del ventiseienne Alessandro Lorusso, difensore centrale mancino chiamato a dar manforte con il suo metro e ottantotto di altezza,a una difesa nella quale si sentiva il bisogno di un’altra “torre”, oltre a Tacchinardi e De Matteo, per avere maggiore controllo sulle palle alte e, in particolare, sui calci d’angolo.
Lorusso nasce a Fasano, in provincia di Brindisi il 9 giugno 1991 e cresce calcisticamente nella Beretti del Venezia: di qui passa nelle giovanili di diverse società delle serie maggiori: Carpi (2009) e Sampdoria (2010). La società doriana lo dà poi in prestito all’Ascoli (2011) e successivamente ancora al Carpi (2012) per poi riportarlo a Genova dove resta per due stagioni. A luglio 2014 inizia la sua esperienza tra i dilettanti in serie D col Terracina per poi passare, sempre nella stessa categoria, al Gallipoli. Dopo due campionati trascorsi nella città “perla dello Ionio” Lorusso, a luglio 2016 si regala anche un’esperienza all’estero, nella squadra spagnola del Silva SD, militante nella Tercera Division (corrispondente alla nostra serie D). Di qui l’approdo alla corte di mister Tassi che già nella trasferta di Castelfranco Emilia, pur non utilizzandolo, l’ha messo in panchina. Il suo esordio in campo avverrà probabilmente nella partita casalinga del 10 dicembre col Sant’Agostino.

Sconfitta per 2-1 a Castelfranco e decollo rinviato

Rimandati all’esame di maturità

Una gara decisa dagli errori difensivi: noi ne commettiamo uno in più.
Immeritata sconfitta contro una forte Virtus Castelfranco dopo una partita bella
ed equilibrata. L’equilibrio si spezza al 20’ della ripresa quando l’arbitro
non fischia un chiarissimo fallo su Silvestri nella nostra area
e sul prosieguo dell’azione l’irruenza di Marmiroli provoca il rigore dello 0-1.
Parità subito ristabilita dal sempre micidiale Di Gennaro che sfrutta
un maldestro retropassaggio di Hasnaj al proprio portiere.
Ma sul finire la difesa valtidonese si imbambola su un calcio d’angolo
e pemette a Valim di segnare la doppietta della vittoria.
Ritrovato il gioco, è proprio sugli errori e i cali di concentrazione
che mister Tassi dovrà lavorare perchè la squadra maturi e diventi capace
di dare continuità ai risultati positivi. Il prossimo impegno interno
col Sant’Agostino (v. locandina) è un’occasione da non fallire.


Sopra: incursione di Buscaglia nell’area della Virtus, ma il suo tiro uscirà a lato. Il giovane attaccante
dopo un buon primo tempo è però scomparso nella ripresa, annullato dai più prestanti difensori avversari.
Sotto: uno spettacolare salvataggio del sempre tempestivo «gatto» Silvestri
che anticipa in acerobazia l’attacante avversario lanciato a rete.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Malgrado il freddo sboccia il bel gioco

Nibbiano & Valtidone finalmente ci 6

Al di là del punteggio tennistico a zero, con cui i nostri beniamini
hanno liquidato la Solierese, la nota più positiva della giornata
sta nella maiuscola prova collettiva offerta dalla squadra.
Difficile stabilire un migliore in campo, anche se i fuochi d’artificio
di Di Gennaro (3 reti), Sinigaglia (una doppietta) e Buscaglia
sono quelli che più hanno infiammato il pubblico. Eppure giocavamo
contro una delle migliori difese del campionato. L’intesa e gli schemi di gioco
messi in mostra fanno credere che i ragazzi abbiano finalmente assimilato
quanto mister Tassi pretende da loro. Ma è vietato abbandonarsi a facili entusiasmi.
Domenica prossima l’undici valtidonese è atteso da una diffcile riprova
a Castelfranco Emilia (v. locandina): se son rose, fioriranno… anche col gelo

A sinistra: un sempre più incontenibile Di Gennaro ha coronato con una tripletta la sua eccellente
prestazione rafforzando la posizione di capocannoniere del girone con 12 reti segnate in 13 partite.
A destra: il giovane Buscaglia, autentica spina nel fianco della difesa avversaria
e autore della quinta rete con un’ubriacante azione personale. Ma non va dimenticata la straordinaria prova
di Sinigaglia che man mano che entra in forma dimostra tutte le sue notevoli qualità.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la notizia di SportPiacenza.it

Botta e risposta per l’1-1 in terra modenese

Ma il pareggio fa felice solo il San Felice

Malgrado la buona prova di Abate la squadra ha risentito dell’assenza
dello squalificato Marmiroli. Un primo tempo abulico favorisce i padroni di casa
che pensano solo a difendersi. Nella ripresa Jakimovski suona la sveglia
con un gran tiro che si stampa sul palo. Ma poi è il San Felice che,
con i soli due tiri in porta di tutta la partita,
prima obbliga Papaluca a un grande intervento
e poi trova il vantaggio con Cremaschi. Ci pensa però il solito Di Gennaro,
con un eurogol, a mettere le cose a posto dopo nemmeno due minuti.
A questo punto il Nibbiano & Valtidone cerca di far sua l’intera posta,
ma i giallorossi chiudono ogni varco e portano a casa un prezioso pareggio.
Domenica ci fa visita la Solierese (v. locandina):
ritroveremo lo smalto necessario per batterla?


Sopra: il gol del pareggio valtidonese, siglato dalla distanza da bomber Di Gennaro
alla sua nona rete in campionato.
Sotto: il pallone calciato da Jakimovski (fuori quadro) sullo 0-0 torna in campo dopo
esser stato respinto dal palo a portiere battuto.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di Emiliaromagna Sport

Superato in scioltezza lo «choc» di Agazzano

Bibbiano al tappeto con un netto 3-1

Gran reazione dei ragazzi di Tassi che ritrovano subito gioco e morale.
Molti i motivi di soddisfazione. Jakimovski e Marmiroli dominatori a centro campo,
Silvestri e De Matteo insuperabili in difesa, Di Gennaro implacabile goleador.
Gran movimento e ancora un assist di Sinigaglia, Filipov in crescendo.
Gli avversari in rete solo al 90’ grazie a un rigore generoso.
Prossimo turno a San Felice (v. locandina) con la speranza
che, alla fine, a essere felici siano i nostri tifosi

Ancora un rigore messo a segno con chirurgica precisione da Di Gennaro per il raddoppio
del Nibbiano & Valtidone. Il nostro bomber autore anche dello splendido terzo gol,
mentre quello dell’1-0, nato da una sua punizione è stato toccato in rete da Peroni.

Leggi qui la cronaca di Libertà

L’Agazzanese ribalta il derby nel finale: da 0-2 a 3-2

12 minuti di black out
che lasciano l’amaro in bocca

Fino a metà del secondo tempo il Nibbiano & Valtidone sembra
avere in pugno la partita. La squadra gioca bene e tiene il campo con autorità.
Va in doppio vantaggio con due azioni fotocopia di quelle messe in mostra
con la San Michelese e con gli stessi marcatori: De Matteo e Buscaglia.
Ma a metà secondo tempo prima Paesotto e poi Di Gennaro si infortunano
e chiedono a Tassi di essere sostituiti. Da quel momento gli equilibri si spezzano
e un’Agazzanese mai doma rovescia il risultato nell’ultimo quarto d’ora.
Il boccone è amaro, ma per 70 minuti si è vista una squadra tosta.
Ora occorre trovare continuità. Domenica prossima in casa col Bibbiano
c’è l’occasione per rifarsi (v. locandina)

Lorenzo Marmiroli autentico dominatore a centro campo e autore di una prestazione
sontuosa che purtroppo non è bastata

Leggi qui la cronaca di Libertà

L'intervista

Tassi: siamo ancora un cantiere aperto

Intervistato da Libertà alla vigilia del derby con l’Agazzanese il mister del Nibbiano & Valtidone invita ad avere pazienza.

Leggi qui la cronaca di Libertà

A rinforzo del centrocampo

Arriva Vesce dal Campobasso (serie D)

Per supplire al’infortunio di Incontri e dare maggior forza al centrocampo la Società ha ingaggiato il ventunenne centrocampista destro Giuseppe Vesce
di Benevento, che negli ultimi tre campionati ha sempre giocato in serie D, prima nel Torrecuso e poi nel Campobasso.

Dominata la Sanmichelese 3-0

Questa è la squadra che aspettavamo

Grande partita del Nibbiano & Valtidone che dimostra finalmente personalità
e uno schema di gioco. Piena risposta alle aspettative di riscatto
con una squadra equilibrata in ogni reparto e senza momenti di pausa.
In gol De Matteo, Buscaglia e Filipov, ma tutti i giocatori sono da elogiare
per la grinta e il grande impegno messo in mostra.
Domenica in cerca di conferma nel difficile derby di Agazzano (v. locandina)


Sopra: un bel tiro di Sinigaglia fa la barba alla traversa. Il centravanti, autore dell’assist
a Buscaglia per il secondo gol, si è speso moltissimo lottando su ogni pallone.
Sotto: il bel gol di Filipov per il 3-0, siglato all’ultimo minuto di recupero.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di SportPiacenza.it

Nuovo stop a Fiorano

Sull’orlo della crisi, ma reagire è d’obbligo

Buon inizio con Buscaglia a segno al 25’, ma cinque minuti dopo
subiamo un ingenuo rigore (l’ottavo in nove partite) e la luce si spegne.
Nella ripresa arriva subito il 2-1 dei padroni di casa,
mentre noi sbagliamo due facili palle-gol. Comunque vietato abbattersi:
questo è il momento di stringersi più che mai intorno al Presidente,
all’allenatore e alla squadra. E che i giocatori tirino fuori gli attributi,
a partire da mercoledì prossimo contro la forte Sanmichelese
(v. locandina a fianco). Tutto non è ancora perduto per mirare in alto.


Sopra: il pallone calciato da Buscaglia (fuori quadro) si infila in rete mentre Sinigaglia, autore dell’assist,
esulta per il vantaggio. Sotto: il pareggio del Fiorano su rigore calciato da Zambla,
con Ziglioli vanamente proteso in tuffo.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Una batosta casalinga senza attenuanti

Col Pallavicino un tonfo 3… mendo!

Gran delusione al «Pio Zuffada» per chi si aspettava una ripartenza
del Nibbiano & Valtidone verso i piani alti della classifica.
La squadra sembra invece procedere come i gamberi:
due passi avanti e uno indietro e così non si fa molta strada.
Primo tempo da incubo con un centrocampo debole surclassato dagli avversari
che vanno sul 2-0. Nella ripresa Tassi cerca di porre rimedio
ma il Pallavicino si chiude a riccio e ben controlla gli sterili attacchi
dei valtidonesi che al 91’ subiscono addirittura il rigore dello 0-3
sull’unica azione di contropiede dei bussetani.
Domenica prossima prova d’appello a Fiorano (v. locandina a fianco)

A sinistra Daniele Di Gennaro che contro il Pallavicino è stato l’unico a cercare di costruire e concludere
con una certa continuità, ma senza trovare risposta adeguata nei compagni di reparto.
A destra Antonio Silvestri che ha fatto il possibile per tenere in piedi una difesa
che nel primo tempo è stata messa spesso in difficoltà da un insufficiente filtro a centro campo.
(Foto: Massimo Bersani).

Leggi qui la cronaca di Libertà

La vittoria arriva all’ultimo respiro

A Casalgrande missione compiuta

Contava vincere e vittoria è stata anche se molto sofferta.
Nel primo tempo vantaggio immediato con Bertocchi, partita in pugno
e occasioni sprecate; ma nel secondo tempo in 10 minuti i padroni di casa
ribaltano la situazione e sembrano riemergere i fantasmi del passato.
Di Gennaro agguanta il pareggio alla mezz’ora e al primo minuto di recupero
i tre nuovi entrati nel finale (Filipov, Marmiroli ed El Yamani)
sono protagonisti della più bella azione della partita che porta alla rasoiata
di Zakaria e al definitivo 3-2. La prossima sfida è in casa col Pallavicino
(v. locandina a fianco) per puntare al primo tris di vittorie consecutive

I «tre caballeros» Ivan Filipov, Lorenzo Marmiroli e Zakaria El Yamani autori della grande azione
che all’ultimo minuto ha dato la vittoria al Nibbiano & Valtidone: delizioso passaggio smarcante
di Filipov per Marmiroli appena dentro l’area, da questi a sinistra per l’accorrente El Yamani
che, a botta sicura, fulmina il portiere avversario.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di Emiliagol.it

Domata una ruvida Cenerentola

Non belli ma pratici
i valtidonesi centrano il successo

Il 2-0 sul fanalino di coda Salsomaggiore che si è difeso più con le cattive
che con le buone, fa bene al morale e alla classifica anche se il gioco
lascia ancora a desiderare. Dopo l’uno-due messo a segno da Di Gennaro
(su rigore) e Bertocchi, un grandissimo Ziglioli salva la sua rete
con due strepitosi interventi su altrettanti calci di punizione dal limite.
In difesa sono piaciuti un impeccabile «gatto» Silvestri e il giovane Paesotto.
Sinigaglia al centro dell’attacco si muove bene ma manca ancora
l’intesa con i compagni. Domenica prossima la non proibitiva trasferta
a Casalgrande (v. locandina di fianco) per ribadire i progressi


Il rigore magistralmente calciato dal solito Di Gennaro al 24’ del primo tempo si infila a fil di palo
spiazzando completamente l’esterefatto portiere Bonati. Sei minuti dopo Bertocchi metterà al sicuro il risultato
con un delizioso pallonetto.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Smentita ogni voce di esonero

Confermata la fiducia a Tassi
fino al termine del campionato

Nei giorni scorsi su alcuni media e in alcune trasmissioni TV locali,
oltre che sul web, si è parlato di un possibile esonero di mister Tassi
a seguito dello zoppicante inizio di campionato della squadra.
Il presidente Alberici ha dichiarato tali voci prive di ogni fondamento
e ha riconfermato la fiducia e l’appoggio della Società al mister
almeno fino al termine della stagione.
Questa sera il Nibbiano & Valtidone ospita in notturna a Sarmato
il Pallavicino per la seconda fase di Coppa Italia

Un’autoritaria espressione di mister Tassi durante l’incontro con la Fidentina
(unica vittoria sin qui raccolta in campionato). Incassata la fiducia della Società,
indipendentemente dai risultati ottenuti, il coach della compagine valtidonese
cercherà di apportare i necessari correttivi alla squadra sin dalla partita di stasera
in Coppa Italia contro il Pallavicino di Busseto.

Leggi qui il comunicato della Società

Leggi qui la notizia di Libertà

Leggi qui la notizia di SportPiacenza.it

A Rubiera la seconda sconfitta

Così non va!

I valtidonesi incapaci di sfruttare quasi un’ora di superiorità numerica
(espulsione del portiere avversario) vengono infilzati nel finale.
Tacchinardi e compagni mai veramente pericolosi, mentre Ziglioli
è costretto ad effettuare almeno 4 difficili interventi.
La squadra di Tassi sembra ancora alla ricerca
di un’identità e di un gioco. Il nuovo acquisto Sinigaglia, inserito solo
a meno di mezz’ora dalla fine, non è in grado di incidere. Hoxha, Rota
e Fornaciari i migliori della Folgore, per noi Ziglioli e Silvestri.
Domenica prossima in casa con il Salso, fanalino di coda,
la squadra è chiamata a un pronto riscatto

Una delle tante sterili azioni d’attacco del Nibbiano & Valtidone con palle alte facile preda
dei possenti difensori avversari che avrebbero potuto invece essere messi in difficoltà con palle giocate a terra.
Se si eccettua una traversa scheggiata da Di Matteo con un tiro dalla distanza, nè il portiere Rizzo
nè il suo sostituto Burani sono mai stati messi in seria difficoltà dalle nostre punte, malgrado l’uomo in più.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di Emiliagol.it

Approda a sorpresa al Nibbiano & Valtidone
il trentaseienne attaccante Davide Sinigaglia
dopo una lunga carriera tra i professionisti

Il numero 9 varesino detto “il samurai” per il crocchio di capelli che porta spesso raccolti sulla nuca,
ha esordito a 18 anni nell’Inter di Ronaldo e Roberto Baggio e, nell’ultima stagione,
ha contribuito alla promozione del Parma in serie B

Davide Sinigalia nasce a Tradate (Varese) il 29 luglio 1981. Inizia a giocare all'età di nove anni nel Torino Club di Gallarate. Tre anni dopo passa nelle giovanili dell'Inter. Esordisce in serie A a 18 anni il 7 febbraio 1999 in Inter-Empoli (5-1) entrando al posto di Ventola e procurandosi anche una clamorosa occasione da rete fallita per un soffio per l’emozione (guarda qui la sintesi di quella partita su Rai1). Era l’inter di Ronaldo, Roberto Baggio, Pirlo, Simeone, Djorkaeff, Bergomi e di un giovane Javier Zanetti: difficile quindi per un “primavera” trovare un posto fisso in prima squadra.

Inizia così, nel 2000, la sua avventura in giro per l'Italia, prima al Meda in Serie C2 (31 gare e 11 gol), poi al Padova in C1 (20 partite e 3 reti). Seguono le esperienze al Monza in C1 (29 presenze e 13 goal) ed al Lumezzane in C1 (33 gare e 15 reti).

Nel 2004 lo acquista la Reggina in serie A, che lo gira in prestito in serie B, all'Arezzo, dove gioca 11 partite prima di passare all'Atalanta (serie A), dove segna 1 goal in 12 presenze. Poi, tra il 2005 e il 2010, passa al Genoa, poi ancora all’Arezzo, al Padova, al Novara e infine al Cesena dove rimane fino al 2011 (con una parentesi nelle file del Lanciano).

Il 28 gennaio 2011, durante la sessione invernale di mercato, viene prelevato dalla Ternana dove rimarrà fino al 2013 collezionando 62 presenze e 13 reti.  Il 2 settembre 2013 sottoscrive un contratto annuale con il Monza dove, dopo un'ottima stagione, con 27 presenze e 12 reti realizzate, conquista la promozione in Lega Pro. Si trasferisce poi alla Reggiana che, nel febbraio 2015, lo cede in prestito alla Giana Erminio, compagine militante nel girone A di Lega Pro.

Nell’agosto 2015 passa alla Pistoiese militante nel girone B di Lega Pro. In maglia arancione inizia alla grande confezionando tre goal e due assist nelle prime sette partite giocando da unica punta; contribuirà poi in modo decisivo alla salvezza della squadra che, nelle ultime partite, ottiene tre successi in quattro gare, con Sinigaglia protagonista di un goal e due assist.

Nel 2016, dopo una breve parentesi di 2 mesi al Grosseto in Serie D (quattro presenze e un gol) torna in Lega Pro con il Parma dove firma un contratto sino al termine della stagione 2016-2017 conquistando la promozione in serie B.

E infine il colpo a sorpresa del presidente Alberici e di mister Tassi che riescono a portarlo al Nibbiano & Valtidone con l’obiettivo di dare maggior peso, qualità e concretezza a un attacco che gioca bene ma fatica a trovare la via della rete.

Con la Fidentina arriva la prima vittoria

San Di Gennaro fa la grazia

Ferretti calcia fuori il quinto rigore decretato contro i valtidonesi in 4 giornate.
Di Gennaro non fallisce invece quello assegnato a favore nella ripresa.
Malgrado le assenze di Silva e Jakimovski, notati miglioramenti
nell’intesa di squadra contro una Fidentina che ha venduto cara la pelle.
Due strepitose parate di Ziglioli salvano nel finale la meritata vittoria.
Con il portiere e il bomber anche Marmiroli e Buscaglia sugli scudi.
Domenica prossima la difficile trasferta a Rubiera
per confermare i progressi (v. locandina a fianco)

Il pallone calciato da Di Gennaro dal dischetto, al 7’ del secondo tempo, spiazza nettamente Ghiretti
e si infila in rete per l’1-0 dei padroni di casa che risulterà poi decisivo
per la prima vittoria in campionato del Nibbiano & Valtidone (foto Massimo Bersani).

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di SportPiacenza.it

Vai alla galleria fotografica

50 anni di passione per il Nibbiano

Addio al dottor Fulgoni

L’ASD Nibbiano & Valtidone piange la scomparsa del suo presidente onorario, dottor Franco Fulgoni, per 35 anni
medico condotto di Nibbiano e per quasi mezzo secolo animatore, coi più diversi incarichi,
della Società e della squadra

Il presidente dell’A.S.D. Nibbiano & Valtidone Valter Alberici, i dirigenti, i tecnici e i giocatori partecipano al dolore dei familiari e mai dimenticheranno il loro presidente onorario, dottor Franco Fulgoni che si diceva fortemente commosso quanto orgogliosissimo e gratificato per quest’ultima carica.
La passione fiammante del Dottore ha fatto volare alto la sua farfalla biancoazzurra e unito in un abbraccio corale cinquant’anni di calcio a Nibbiano. Quell’espressione Ad maiora da lui voluta e incisa per sempre in questi colori, l’accompagni anche nei campi del cielo.

A Rolo un equo ma insipido 0-0

Si può fare di più…

Ziglioli salva il risultato parando un rigore: il quarto decretato
contro i valtidonesi in tre partite. Nel primo tempo predominio
dei padroni di casa, ma è Marmiroli a fallire l’occasione più ghiotta
per passare in vantaggio. Nella ripresa è invece il Nibbiano & Valtidone
a condurre la danza, senza tuttavia mai rendersi veramente pericoloso.
Un pareggio esterno con il forte Rolo non è da buttare, ma la vetta si allontana.
Se si vuole rientrare nella lotta per i primi posti è d’obbligo domenica prossima
battere in casa la Fidentina (v. locandina a fianco)


Sopra: Ziglioli, (semicoperto da Silva) devia in angolo il rigore calciato da Malivojevic. Quattro calci di rigore
subiti nelle prime tre partite, a prescindere dal fatto che un paio sono stati quantomeno discutibili,
denotano comunque un certo affanno difensivo nelle situazioni critiche a cui urge porre rimedio.
Sotto: Marmiroli (a terra) tra i migliori in campo, dopo una splendida serpentina
fallisce una facile occasione calciando in bocca al portiere Aldrovandi.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Imprevisto tonfo a Zola Predosa

Squadra nuova, vizi antichi

Sull’immeritata sconfitta per 2-3 con l’Axys pesa un pessimo arbitraggio
che regala un rigore e mezzo ai padroni di casa. Emergono però anche fantasmi
che ricordano l’infelice girone di ritorno dello scorso campionato,
malgrado la squadra sia stata cambiata per tre quarti: dominio
e gol falliti nel primo tempo, netto calo nella ripresa
e gol subito su papera difensiva. A mister Tassi il compito
di trovare le giuste contromisure intanto che si è ancora agli inizi.
Ottima prova di Di Gennaro, a segno con una doppietta
e di Marmiroli fin che ha retto. Prossimo turno ancora in trasferta
nella tana del forte Rolo (v. locandina a fianco)

Il centravanti dell’Axys Salomone, tra i migliori in campo, mette a segno a fil di palo
il primo dei due calci di rigore; segnerà poi anche il secondo (totalmente inesistente)
dopo che Di Gennaro aveva agguantato il pareggio. Di Gennaro replica su azione per il 2-2
(è il suo terzo gol in due partite) e il Nibbiano sembra essere padrone del campo
fino al termine del primo tempo. Nella ripresa il calo dei valtidonesi rianima i padroni di casa
che trovano la vittoria grazie a una sciagurata distrazione difensiva e a un’incerta uscita di Ziglioli.

Leggi qui la cronaca di Libertà

1-1 nel debutto in campionato con la Bagnolese

Un rigore per uno non fa male a nessuno

Due penalty concessi forse con eccessiva generosità dall’arbitro Rompianesi
sanciscono un giusto pareggio tra un Nibbiano & Valtidone
ancora alla ricerca della miglior condizione in alcuni elementi
e una Bagnolese apparsa già ben registrata. Marmiroli e Buscaglia
(che ha scheggiato una traversa) i migliori dei valtidonesi, il centravanti Habib
e l’esterno Odoro tra gli ospiti. Domenica prossima ci attende la trasferta
a Zola Predosa contro l’Axys (v. locandina a fianco)

Di Gennaro mette a segno il rigore del pareggio al 2’ della ripresa. La Bagnolese era andata in vantaggio
con un altro rigore realizzato da Fraccaro allo scadere del primo tempo.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la notizia su SportPiacenza.it

Pronti e motivati
per la nuova avventura in Eccellenza

Ecco la foto di gruppo dei giocatori convocati per il raduno preparatorio,
che si svolge sul campo di Nibbiano dal 5 agosto al 2 settembre,
insieme a staff tecnico e dirigenti.

Da sinistra in piedi: Luigi Varesi (segretario), Cristiano Grandi (vice presidente), Giancarlo Vecchi
(collaboratore), Michela Picchioni (segretaria), Riccardo Crivelli, Antonio De Matteo, Mario Tacchinardi
(capitano), Simone Abate, Matteo Galtarossa, Alessandro Varesi (Juniores), Luca Ziglioli,
Daniel Jakimovski, Filippo Alberici (Juniores), Leonardo Toccalini (Juniores), Alessandro Bernazzani,
Alberto Fellegara, Sergio Bollati (vice presidente vicario), Maurizio Cerutti (accompagnatore ufficiale),
Valter Alberici (presidente), Maurizio Tassi (allenatore), Marino Piacentini (massofisioterapista),
Alberto Berselli (preparatore atletico), Ambrogio Pelagalli (direttore tecnico).
Accosciati: Gianfranco Scognamillo (accompagnatore Juniores), Antonio Silvestri, Lee Young Wook,
Matteo Comini (Juniores), Nicolas Silva, Elia Peroni, Alex Paesotto, Zakaria El Yamani, Davide Bertocchi,
Daniele Di Gennaro, Andrea Incontri, Riccardo Muratori (Juniores), Riccardo Buscaglia, Riccardo Selicato,
Lorenzo Marmiroli, Kledio Sulejmani, Antonio Vecchio (preparatore portieri), Roberto Vecchi (team manager).
Sono assenti nella foto Ivan Filipov e Ronaldo Aidini (Juniores).

Guarda qui la fotogallery della presentazione

In una folta cornice di pubblico

Il nuovo Nibbiano & Valtidone
chiamato a un campionato di vertice
dalle parole del Presidente e dalle attese dei tifosi

Presentazione al gran completo del nuovo team valtidonese
sul «Molinari» di Nibbiano. Un folto pubblico è accorso a conoscere
e a incoraggiare i 22 giocatori della prima squadra,
i 6 atleti delle giovanili aggregati al raduno e il nuovo staff tecnico.
Parole di stimolo da parte di Presidente e Allenatore perchè ciascuno
dia il meglio di sè nella nuova avventura in Eccellenza.
Domenica prossima il primo test con i professionisti del Pro Piacenza


Foto sopra: il sindaco di Nibbiano Giovanni Cavallini (in piedi) porge un saluto augurale
alla nuova squadra del Nibbiano e Valtidone. Al tavolo della presidenza, da sinistra,
il vicepresidente vicario Sergio Bollati, l’allenatore Maurizio Tassi,
il presidente Valter Alberici e il vicepresidente Cristiano Grandi.
Alle loro spalle i giocatori che erano stati precedentemente presentati al pubblico.
Foto sotto: uno scorcio dei giocatori mentre ascoltano attentamente le parole del presidente Alberici
e del mister Tassi che li hanno richiamati a una stagione di impegno,
abnegazione e compattezza per raggiungere quei traguardi che sono nelle loro possibilità.

Leggi qui le cronache di Libertà

Leggi qui la cronaca di SportPiacenza.it

Leggi qui la cronaca di PiacenzaSera

Altre due frecce all’arco di mister Tassi

La punta Bertocchi dal Pavia
e la sorpresa coreana Lee Young Wook
chiudono la campagna acquisti

Chiude con due botti, di cui uno a sorpresa, l’intensa campagna acquisti
del Nibbiano & Valtidone. Dal Pavia è arrivato l’ attaccante venticinquenne
Davide Bertocchi con il fiuto del gol e una carriera di tutto rispetto
vissuta tra serie C ed Eccellenza, mentre l’esterno sinistro Lee Young Wook,
27 anni, è stato prelevato addirittura in Sud Corea dove ha vinto
due campionati nazionali universitari con la Yonsei University.
A questo punto, attendendo a gennaio il rientro di Bernazzani
dopo il grave infortunio al crociato anteriore, il nuovo team valtidonese
può considerarsi al completo per il raduno di sabato prossimo
e la presentazione ufficiale di domenica 6 agosto

A sinistra: Davide Bertocchi quando militava nell’Alessandria in serie C ed era corteggiato dal Napoli che vedeva in lui «un giovane Kakà». L’atleta ha giocato in serie C anche con Melfi, Tritium, e Derthona e poi in Eccellenza con Verbano, Fenegro e Arconatese.
A destra: Lee Young Wook in azione con la maglia della Yonsei University,
il team universitario col quale ha vinto 2 campionati nazionali.
L’attaccante coreano, che ha scelto il nick name di «Eric»,
negli anni scorsi aveva sostenuto un provino anche all’’Inter.

Leggi qui le cronache di Libertà

Leggi qui la cronaca di SportPiacenza.it

Leggi qui la cronaca di PiacenzaSera

Il 6 agosto la presentazione ufficiale

Primo incontro informale tra dirigenza,
staff e giocatori del nuovo Nibbiano & Valtidone

Domenica 16 luglio, in occasione della firma dei contratti di molti nuovi acquisti,
si sono ritrovati sul campo di Nibbiano per un primo contatto informale i dirigenti,
lo staff tecnico e una buona parte della squadra del nuovo Nibbiano & Valtidone.
Gli intervenuti sono poi stati ospiti del presidente Alberici
per approfondire la reciproca conoscenza in un incontro conviviale.
La presentazione ufficiale è stata invece confermata per domenica 6 agosto,
sempre sul campo «Armando Molinari» di Nibbiano.
Ma la campagna acquisti non è ancora finita:
il secondo portiere e un’altra punta sono nel mirino della Società

Primo scatto fotografico, anche se a ranghi incompleti, della stagione d’Eccellenza 2017-18.
Da sinistra: Antonio Silvestri, il preparatore atletico Alberto Berselli, Alessandro Bernazzani,
Mario Tacchinardi, Andrea Incontri, l’allenatore Maurizio Tassi, il presidente Valter Alberici,
Matteo Galtarossa, Antonio De Matteo, Simone Abate, il massaggiatore Marino Piacentini e Ivan Filipov.
Presenti all’incontro, ma non nella foto, anche il team manager Roberto Vecchi
e l’allenatore dei portieri Antonio Vecchio. Assenti giustificati i nuovi acquisti Di Gennaro,
Ziglioli, Buscaglia, Peroni, Silicato e i riconfermati Jakimovski, Silva e Marmiroli.

Altri due ventenni alla corte di mister Tassi

Confermati gli acquisti
dell’attaccante Riccardo Buscaglia
e del centrocampista Simone Abate

Prosegue l’innesto di forze giovani nel nuovo organico del Nibbiano & Valtidone
con l’ingaggio di due ventenni ben conosciuti dal mister
che ripone in loro la massima fiducia. Entrambi provengomo
da due squadre di Eccellenza: Buscaglia dal Lomellina
e Abate dal San Colombano, dove già lo scorso campionato
era agli ordini di Maurizio Tassi

Riccardo Buscaglia (a sinistra), classe 1997, ricopre il ruolo di esterno d’attacco
e, prima di passare al Lomellina, si era distinto nel campionato Berretti col Pavia.
Simone Abate (a destra) centrocampista, classe 1996, ha anche lui militato nella Berretti del Pavia
nei campionati 2014/2015 e 2015/2016 per poi passare per due stagioni
al Brugherio e di qui al San Colombano.

Colpo Galtarossa, under di valore

Un ventenne di scuola Inter
al centro dell’attacco valtidonese

Matteo Galtarossa, classe 1997, è il giovane centravanti che l’accoppiata
Alberici-Tassi ha scelto per rafforzare la prima linea d’attacco
del nuovo Nibbiano & Valtidone. Proveniente dal Cavenago Fanfulla,
in serie D, Galtarossa ha giocato nella stagione 2015-16 nella Galbiatese Oggiono,
in Eccellenza dove ha realizzato 10 reti. In precedenza si era segnalato
nella Berretti del Pavia e ancor prima negli Allevi dell’Inter,
società che lo ha formato. Secondo voci di stampa, non confermate dalla Società,
sarebbero in corso trattative anche per l’attaccante Giangaspero del Ciserano
e per il centrocampista Simone Abate del Pavia

A sinistra, Matteo Galtarossa con la maglia del Cavenago Fanfulla e, a destra,
quando giocava negli Allievi nazionali dell’Inter in un selfie con Javier Zanetti.
Punta centrale naturale, Galtarossa negli anni si è messo però anche in luce come esterno offensivo,
ruolo che, come afferma lo stesso giocatore, ha ricoperto soprattutto in situazioni d’emergenza,
poichè preferisce giocare al centro dell’attacco. Disponibile comunque a mettersi
a piena disposizione di mister Tassi, dando tutto se stesso per confermare
quanto di buono ha fatto negli scorsi campionati
e per rispondere alle aspettative che vengono riposte su di lui.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di SportPiacenza.it

In arrivo da Castellazzo Bormida e Castellana

Difesa quasi al completo con Silvestri e Filipov

Silvestri è un altro difensore con mentalità vincente che va ad aggiungersi
al già forte reparto difensivo del Nibbiano & Valtidone, mentre Ivan Filipov
è un esterno sinistro molto eclettico che può essere impiegato in diversi ruoli
e sarà quindi un prezioso jolly a disposizione di mister Tassi.
Potremmo invece ritrovare come nostro avversario nei derby l’ex
Valeriano Nchama, dato ormai vicino all’Agazzanese, nel caso molto probabile
che la società della Val Luretta venga ripescata in Eccellenza.

Antonio Silvestri, classe 1985, dopo nove anni in serie D nelle file di Acqui Calcio, Borgorosso Arenzano
e Sestri Levante, ha vinto gli utlimi due campionati disputati in Eccellenza, prima col Casale Calcio
e poi con il Castellazzo Bormida da cui il presidente Alberici l’ha prelevato augurandosi scaramanticamente
che il famoso detto “non c’è due senza tre” possa essere confermato.
Ivan Filipov, classe 1991, di origini macedoni, è cresciuto nella Spes Borgotrebbia di Piacenza
ed è passato nella scorsa stagione alla Castellana, segnalandosi come uno dei protagonisti
nel vittorioso campionato di Prima Categoria della compagine di Castel San Giovanni.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di SportPiacenza.it

Prosegue senza soste la campagna acquisti

Con Incontri, Peroni e Silicato prende forma
una squadra che punta in alto

Insieme all’ingaggio del forte centrocampista Andrea Incontri
prelevato dalla Juve Domo, ingaggiati due promettenti “under”:
Peroni, dal Piacenza, e Silicato dal Pergocrema.
Sono inoltre stati promossi dagli Juniores alla prima squadra
il centrocampista Fellegara e bomber Sulejmani,
capocannoniere dello scorso campionato nel suo girone.
Raduno e presentazione della squadra fissati per il 5 agosto sul campo di Nibbiano

Andrea Incontri, classe 1989, è cresciuto nel Piacenza dove, nella stagione 2006/2007,
Gigi Cagni lo fece debuttare in serie B. Ha poi sempre militato in squadre di vertice tra la serie D e l’Eccellenza:
Derthona, Asti, Albese, Borgomanero, Verbania (dove conquistò la promozione in serie D) e, da ultimo,
nella Juventus Domo di Domodossola, prima a pari punti col Borgomanero nel girone A
dello scorso campionato piemontese d’Eccellenza. Un giocatore, quindi, abituato a lottare per vincere:
una mentalità che il presidente Alberici e mister Tassi
vogliono diventi patrimonio comune della nuova squadra.

Leggi qui le cronache di Libertà

Leggi qui le cronache di SportPiacenza.it

4° Memorial Ettore Bigoni

Brugnatelli e i suoi Allievi si congedano con una vittoria

Nando Brugnatelli e i suoi (ormai ex) Allievi si sono congedati nel migliore dei modi dai loro tifosi vincendo, sul campo San Giorgio di Genepreto, la quarta edizione del Memorial Ettore Bigoni. Dopo aver superato in semifinale la forte Agazzanese ai calci di rigore, i ragazzi di Brugnatelli hanno sconfitto in finale il Rottofreno per 4-2 conquistando anche la palma del miglior calciatore del torneo con Alessandro Romani. Com’è noto il Nibbiano & Valtidone non potrà disputare il prossimo campionato Allievi per carenza di giocatori nella fascia d’età richiesta. Brugnatelli lascia quindi la società valtidonese, dopo 4 Anni di lusinghieri risultati, per approdare all’Union Calcio Basso Pavese (nata dalla fusione del Villanterio con società di altri sei comuni), dove allenerà gli Juniores Regionali.
A Super Nando, insieme alla riconoscenza per l’attività svolta con tanto scrupolo e dedizione, vanno i migliori auguri del Nibbiano & Valtidone per la nuova e più impegnativa avventura che si accinge ad affrontare.

Campagna acquisti in pieno fermento, altre novità in vista

Sono Ziglioli, Tacchinardi e Di Gennaro
i primi tre colpi di mercato

Con l’avvento di mister Tassi, rinnovati circa tre quarti della squadra
dello scorso campionato. Della vecchia rosa restano solo Bernazzani, Silva,
De Matteo, Marmiroli, Jakimovski ed El Yamani.
Svincolati Cabrini, Colla, Ballerini, Comini, Colicchio,
Ramundo, Ruopolo, Rubetti, Bianchi, Nchama, Cremona,
Volpe, Piccolo, Guidotti, Topalovic, Boselli, Frigoli, Kraja e Mansour.
Obiettivo del presidente Alberici e della Società è mettere a punto
un organico di alto livello per disputare un campionato di vertice.
Intanto è stato ufficializzato l’acquisto dei primi tre rinforzi di lusso:
un portiere, un centrocampista e un attaccante
dei quali qui sotto vi presentiamo il profilo

Da sinistra: Luca Ziglioli, forte portiere, classe 1994, proveniente dal Sancolombano, ha disputato la stagione 2014-15 nelle file del Real Vicenza in serie C e precedentemente nel Trissino Valdagno e nella Caronnese in D. Mario Tacchinardi, classe 1982, centrocampista di grande esperienza e qualità, anche lui trasferito dal Sancolombano, vanta una lunga carriera con oltre 250 presenze in C1 con la Cremonese e in C2 con Pizzighettone e poi in serie D con Savona, Sambonifacese, Piacenza, Ciliverghe e Crema. Daniele Di Gennaro, attaccante, coetaneo di Tacchinardi, nelle ultime due stagioni in forza all’Arconatese, è un’autentica “bocca da fuoco”: con la media di un gol a partita è stato uno dei principali artefici della promozione in serie D della sua squadra. In precedenza ha militato in Voghera, Derthona, Castellazzo Bormida, Villaverna, Tortona, Oltrepovoghera e Casale Calcio, sempre tra serie D ed Eccellenza, mettendo a segno 230 reti in 460 partite.

Leggi qui le cronache di Libertà

Leggi qui le cronache di SportPiacenza.it

Leggi qui la cronaca di PiacenzaSera

E’ ufficiale: Perazzi saluta, arriva Maurizio Tassi

Dopo un’iniziale smentita, per non turbare le trattative in corso,
le voci che davano Massimo Perazzi in partenza dal Nibbiano & Valtidone
hanno avuto conferma ufficiale

Il tecnico uscente Massimo Perazzi (a sinistra) e quello entrante Maurizio Tassi.

Adesso c’è anche la conferma ufficiale della Società: a Massimo Perazzi, il tecnico che ha portato la squadra dalla Promozione all’ Eccellenza nella stagione 2015/2016 e a un non soddisfaciente ottavo posto (dopo uno strepitoso inizio) nella corrente stagione, alla guida del Nibbiano & Valtidone succede Maurizio Tassi, proveniente dal San Colombano.
Tassi è un allenatore di provata esperienza che vanta un curriculum ultraventennale tra Eccellenza e Serie D in società del pavese, del lodigiano e del piacentino.
Iniziò con il Varzi per passare poi a Bressana, Castellana, Casteggio (5 stagioni), Villanterio, Sant’Angelo, Pergocrema e infine per ben nove stagioni (7 in Eccellenza e 2 in Serie D) al San Colombano: un vero e proprio record di questi tempi in cui gli allenatori saltano come birilli.

Leggi qui il comunicato ufficiale della Società

A rischio la panchina di Perazzi?
La Società smentisce

L’allenatore del Nibbiano & Valtidone, la cui riconferma era data per sicura
alla fine del girone d’andata,
secondo alcuni media locali sarebbe in lista di partenza,
ma la Società non conferma: solo voci di stampa

Questa foto di un Massimo Perazzi che appare pensieroso sul suo futuro,
è stata pubblicata da SportPiacenza.it per dare notizia di un possibile esonero
del tecnico del Nibbiano & Valtidone e di trattative in corso per sostituirlo.
Perazzi è alla guida della squadra valtidonese (allora Nibbiano ASD),
dalla stagione 2015/2016 quando conquistò la promozione in Eccellenza.

Leggi qui la cronaca di Giacomo Spotti su SportPiacenza.it

El Yamani e Bianchi condannano il Luzzara

Alla fine arrivano vittoria e ottavo posto

Sullo 0-0 un super Cabrini para ben due rigori. Il Nibbiano & Valtidone si rinfranca e mette a segno due reti che condannano il Luzzara alla retrocessione, congedandosi dai propri tifosi con una meritata vittoria che mancava da undici turni. I tre punti consentono di raggiungere il San Fiorano all’ottavo posto: un piazzamento onorevole per una matricola al primo anno di Eccellenza, anche se l’ottimo girone d’andata aveva fatto sperare in una lotta per le prime piazze

Could not load widget with the id 77.

Doppio miracolo di Stefano Cabrini sui due rigori calciati dal centravanti del Luzzara Ouaden.
In entrambi i casi le parate del portiere valtidonese sono sembrate la fotocopia
di quella che aveva già effettuato a Carpaneto opponendosi al bomber Franchi (nella foto).

Leggi qui la cronaca di Arnaldo Di Gennaro su Libertà

Anche a San Michele non va oltre lo 0-0

Nibbiano & Valtidone pareggite continua

A San Michele dei Mucchietti quattordicesimo pareggio della stagione
e undicesima partita di fila senza vittorie.
Adesso non resta che sperare in un successo
nell’ultima partita casalinga con il Luzzara, per lasciare ai tifosi un buon ricordo
di questo primo campionato di Eccellenza iniziato alla grande,
con cinque vittorie consecutive, e poi finito in calando

A inizio partita la San Michelese ha messo sotto pressione i biancazzurri:
nella foto l’ottimo Rubetti respinge di testa sulla linea a Cabrini battuto.
Poi nel finale, con l’ingresso di Nchama, è stato il Nibbiano & Valtidone a sfiorare per tre volte il gol.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di Arnaldo Di Gennaro su SportPiacenza.it

Negato un rigore clamoroso su Cremona

Derubati dal signor Lauri

Col Bibbiano San Polo ancora un pareggio, ma stavolta il Nibbiano & Valtidone
avrebbe meritato la vittoria. Fornaciari falcia da dietro Cremona
mentre sta per ribadire in rete a porta vuota: sarebbe rigore nettissimo
ed espulsione del difensore, ma l’arbitro Lauri
con una decisione scandalosa lascia correre tra lo stupore degli stessi avversari.
Piccolo fermato da palo, traversa e da un salvataggio sulla linea;
poi segna il Bibbiano e Mansour, a un minuto dalla fine, evita la beffa

L’allenatore Perazzi infuriato (a ragione) con l’arbitro sarà poi espulso.
Ma lo consola la prova della squadra che ha finalmente dimostrato voglia di riscatto.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di Arnaldo Di Gennaro su SportPiacenza.it

Sulla Gazzetta il Fair Play di Pelagalli
in un derby degli anni sessanta

Alla vigilia dell’ennesimo derby Milan - Inter, la Gazzetta dello Sport in una pagina dedicata alla storia
della stracittadina milanese, ha pubblicato questa curiosa foto di un derby degli anni sessanta
in cui si vede Ambrogio Pelagalli (a sinistra nella foto), oggi supervisore tecnico del nostro settore giovanile
ripreso in un episodio di Fair Play insieme a un “monumento” del Milan di allora, Cesare Maldini.
I due campioni milanisti, infatti, stanno trasportando fuori dal campo un illustre avversario infortunato:
Luisito Suarez, grandissimo centrocampista dell’Inter di Herrera.
Le solite malelingue hanno però voluto vedere in tanta solerte cortesia,
la fretta di liberarsi di uno degli avversari più pericolosi. Pelagalli però nega…

La capolista vede la D, noi a testa alta

Sconfitta onorevole a Carpaneto

Il Nibbiano & Valtidone lotta e gioca alla pari con la dominatrice del campionato
sfiorando nel finale un non immeritato pareggio;
lascia però il centrocampo per un tempo agli avversari,
col tardivo innesto di Volpe e Marmiroli nella ripresa.
La combattività della squadra merita un plauso,
ma intanto si allunga a 9 la striscia delle partite senza vittoria

Nella foto sopra: il perentorio colpo di testa di Berishaku non lascia scampo a un incolpevole Cabrini
per l’1-0 del Carpaneto; sotto la punizione “chirurgica” di Volpe,
che sembrava aver riaperto la partita, si infila nel sette malgrado il gran volo di Terzi.

Leggi qui la cronaca e le interviste di Libertà

Leggi qui la cronaca di Arnaldo Di Gennaro su SportPiacenza.it

Anche la Casalgrandese si prende un punto

Solito copione, solito pareggio

Al Pio Zuffada va in scena uno spettacolo visto ormai troppe volte:
il Nibbiano & Valtidone inizia bene, segna, si permette il lusso del fair play,
poi sparisce nella ripresa.
Il rigore del 2-2 non c’era, ma se permetti all’avversario
di giocare mezz’ora nella tua area qualcosa prima o poi va storto

Nella foto sopra Mansour, a terra dopo una splendida rovesciata, osserva il pallone sfiorare l’incrocio dei pali.
Sotto: il rigore di Malivojevic non lascia scampo a Cabrini disteso in tuffo.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di Arnaldo Di Gennaro su SportPiacenza.it

Dopo tre sconfitte arriva un punto

A Fidenza solo un brodino

Un rimaneggiato Nibbiano & Valtidone non va oltre il pareggio
in casa della pericolante Fidentina. Dopo il vantaggio di Kraja nel primo tempo
e altre occasioni mancate l’1-1 arriva su rigore a un quarto d’ora dal termine
insieme al solito calo psicofisico della squadra. E Cabrini salva il pari

Il rigore battuto da Ierardi che spiazza Cabrini al 26’ della ripresa e regala il pareggio alla Fidentina.
Sullo sfondo a destra De Matteo che ha causato il penalty con un intervento scomposto in area. (foto fidentina.it)

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di Arnaldo Di Gennaro su SportPiacenza.it

Anche il Rubiera ci beffa con un gollonzo

Crisi nera ma occorre reagire

Dopo la terza sconfitta consecutiva (due casalinghe)
la crisi del Nibbiano & Valtidone è ormai conclamata.
Gli attaccanti hanno perso la via del gol
e la difesa è vittima di ricorrenti amnesie.
Inoltre molti elementi sembrano demotivati.
A Perazzi il difficile compito di dare nuovi stimoli
alla squadra per non andare alla deriva


Nelle foto sopra due momenti cruciali dell’incontro:
nella prima Piccolo manca l’appuntamento col pallone a due passi dalla porta;
nella seconda l’innocuo spiovente di Addone scavalca tutta la difesa
e un immobile Cabrini infilandosi beffardamente in rete.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di Arnaldo Di Gennaro su SportPiacenza.it

Momento magico delle giovanili:
tutte le 3 squadre in testa
alle rispettive classifiche

Juniores Regionali vincitori del girone con 6 punti di vantaggio sul Carpaneto,
Allievi e Giovanissimi in testa dopo la quinta giornata della seconda fase.

Foto di gruppo (giocatori e staff tecnico) degli Juniores Regionali del Nibbiano & Valtidone
che hanno dominato il proprio girone e che sabato prossimo affronteranno
il Piccardo Traversetolo nel primo turno delle finali regionali.
(Foto: Giacomo Maiuri).

Nibbiano & Valtidone in lutto

Un tragico destino ci ha tolto Michele Ampelli

Ucciso con l’amico Marcello Ragone da un’auto che sbanda e li centra frontalmente
mentre tornavano da una partita amatoriale. Vice allenatore dei Giovanissimi
e validissimo collaboratore della Società lascia un vuoto incolmabile
tra gli sportivi e i numerosissimi amici della Val Tidone.
Ai familiari e alla fidanzata Silvia le più sentite condoglianze da tutti noi.

Nelle foto sopra, tratte dal suo profilo Facebook, Michele Ampelli (ultimo a destra accosciato)
con la sua squadra a un torneo amatoriale dell’estate scorsa e con la fidanzata Silvia Brandolini.

Leggi qui la notizia dell'incidente su IlPiacenza

Prima squadra in caduta libera

Anche a Bagnolo solita storia:
dominio territoriale e sconfitta

Neanche con la squadra praticamente al completo riusciamo a discostarci
dal consueto cliché: ottanta minuti all’attacco e zero gol fatti,
due contropiede e due gol subiti. Così la Bagnolese vince 2-0.
A questo punto serve uno psicologo (o un cambio di modulo?)

I due bomber del Nibbiano & Valtidone, autori di 3 gol all’andata, stavolta sono rimasti a bocca asciutta:
Matteo Cremona (a sinistra) ha fallito una clamorosa occasione all’inizio dell’incontro
e Michele Piccolo ha centrato il palo nel secondo tempo.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Il doppio volto del Nibbiano & Valtidone

Giovani sugli scudi.
Prima squadra a terra

Gli Juniores vincono la Regular Season con due giornate d’anticipo
e accedono alle finali regionali.
Gli Allievi sono soli al comando a suon di gol
e anche i Giovanissimi agguantano la prima vittoria con punteggio tennistico.
Tra sfortuna, infortuni e cali di forma continua invece il momento no
della prima squadra battuta in casa dal Fiorano (vedi a fianco)

Una formazione tipo degli Juniores Regionali.
In piedi da sinistra: Marco Tornari (allenatore), Giulio Colla, Mohamed Dabo, Ionut Lupu, William Cameletti,
Lucas Saba, David Rossi, Riccardo Muratori, Christian Di Maggio, Alessandro Varesi,
Maurizio Calchi (vice allenatore). Accosciati: Gianfranco Scognamillo (accompagnatore), Zakaria El Yamani,
Marius Lupu, Sergiu Gata, Alessandro Calchi, Matteo Comini, Lorenzo Cassinelli, Federico Parenti,
Karim Chouiref, Fausto Maini (accompagnatore). Assente, in questa foto, il capocannoniere Sulejmani.

Ventiquattresima giornata
Juniores Regionali
Fontanellatese 0
Nibbiano & Valtidone 1

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui risultati e classifica su SportPiacenza.it

A Rolo Ilaria ci toglie il gol.
E la pareggite continua

Cremona segna su punizione di Bianchi, l’arbitro convalida,
ma la guardalinee Ilaria Melchiorri gli segnala che la battuta
aveva preceduto il suo fischio
e il gol viene (giustamente) annullato.
Poi tanti errori di mira e un calo fisico nel finale sanciscono lo 0-0.
Gran partita di Nchama, migliore in campo

25’ del primo tempo: il pallone è nella rete del Rolo deviato da Cremona che esulta col braccio alzato,
ma la guardalinee convincerà l’arbitro ad annullare.
L’ennesimo pareggio non consente al Nibbiano & Valtidone di approfittare
della sconfitta casalinga della Folgore Rubiera.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di Arnaldo Di Gennaro su SportPiacenza.it

I valtidonesi tornano sull’altalena.
Il Salsomaggiore (un tiro, un gol) strappa il pari

Il Nibbiano & Valtidone gioca 80 minuti nella metà campo avversaria,
va in gol con Piccolo, crea tante altre occasioni ma non finalizza
e alla fine si fa raggiungere su calcio d’angolo
con l’unico vero tiro in porta degli avversari

Una delle tante occasioni fallite dal Nibbiano & Valtidone:
la punizione calciata da Jakimovski sembra diretta all’incrocio dei pali, ma uscirà di un soffio.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di Arnaldo Di Gennaro su SportPiacenza.it

Piccolo (3 reti) e Kraja:
torna il sereno sotto la pioggia

Sotto una pioggia battente e su un campo impossibile si è rivisto finalmente
il Nibbiano & Valtidone dei giorni migliori che ha regolato il Carpineti per 4-1

Michele Piccolo (a sinistra) autore della tripletta che lo porta a 16 reti nella classifica cannonieri ed Elis Kraja,
subentrato nella ripresa, che ha segnato il terzo gole e propiziato il quarto.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di Arnaldo Di Gennaro su SportPiacenza.it

Juniores Regionali
a + 11 e primi in tutto

Gli Juniores Regionali del Nibbiano & Valtidone non finiscono di stupire:
a sei giornate dalla fine hanno 11 punti di vantaggio sulla seconda (Carpaneto)
e 14 sulla terza (Pallavicino). Ma hanno anche il miglior attacco (52 gol fatti),
la miglior difesa (10 gol subiti), il maggior numero di vittorie (17),
il minor numero di sconfitte (2) e i primi due capocannonieri del girone:
Sulejmani (17 gol) ed El Yamani (14). Per questo i ragazzi terribili di mister Tornari
meritano questa settimana il posto d’onore nella nostra home page
a scapito dei fratelli maggiori della prima squadra che,
di questi tempi, sembrano un po’ appannati.

Una formazione tipo degli Juniores Regionali.
In piedi da sinistra: Marco Tornari (allenatore), Giulio Colla, Mohamed Dabo, Ionut Lupu, William Cameletti, Lucas Saba,
David Rossi, Riccardo Muratori, Christian Di Maggio, Alessandro Varesi, Maurizio Calchi (vice allenatore).
Accosciati: Gianfranco Scognamillo (accompagnatore), Zakaria El Yamani,
Marius Lupu, Sergiu Gata, Alessandro Calchi, Matteo Comini, Lorenzo Cassinelli, Federico Parenti,
Karim Chouiref, Fausto Maini (accompagnatore). Assente, in questa foto, il capocannoniere Sulejmani.

Ventesima giornata
Juniores Regionali
Corte Calcio 0
Nibbiano & Valtidone 3

Leggi qui la cronaca di Libertà

Altro pareggio casalingo:
il secondo posto diventa un miraggio

Solito copione nella partita contro il Cittadella Vis San Paolo terminata 1-1:
il Nibbiano & Valtidone va in vantaggio, sbaglia molto, cala di tono e si fa raggiungere.

Nemmeno l’ingresso di Cremona (qui stretto nella morsa di tre avversari) è servito a rivitalizzare nella ripresa
una squadra annebbiata che ha gettato al vento altri due punti contro una delle ultime in classifica.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di Arnaldo Di Gennaro su SportPiacenza.it

La riscossa parte con un tris di Piccolo

Un Nibbiano & Valtidone, finalmente al meglio,
dopo due mesi ritrova la vittoria a Zola Predosa per 4-2
con tre gol dello scatenato centravanti.
Buona prova di tutta la squadra e ottimo esordio del nuovo acquisto Nchama.

A sinistra Piccolo, festeggiato da Jakimovski dopo un gol; a destra il centrocampista Valeriano Nchama
di scuola Inter e proveniente dall’Alto Vicentino (serie D) e già nazionale in Nuova Guinea.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di Arnaldo Di Gennaro su SportPiacenza.it

Addio sogni di gloria?

Dopo un inizio folgorante il Nibbiano & Valtidone si spegne inspiegabilmente
e finisce con un meritato 3-2 per il Colorno.
Volpe e Piccolo entrambi a segno ma non basta.
Rinviato l’esordio del nuovo acquisto Nchama

Could not load widget with the id 50.

L’inatteso patatràc interno col Colorno, ultimo in classifica, scombina i piani di mister Perazzi (nella foto)
ancora una volta alle prese con la discontinuità di rendimento e i cali di tensione della squadra.
Adesso il secondo posto è a 8 punti e ci supera anche l’Axys che affronteremo domenica nella sua tana.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di Arnaldo Di Gennaro su SportPiacenza.it

Senza Cremona e Piccolo
smarrita la via del gol

Pareggio a reti inviolate sul campo del Gotico Garibaldina
dopo un incontro giocato interamente all’attacco.
Positivo esordio del diciottenne attaccante Mansour
che però si mangia un gol quasi fatto

Il giovane attaccante Mohamed Mansour, classe 1998, proveniente dalla Berretti del Piacenza
e il forte centrocampista Giacomo Bianchi migliore in campo contro il Gotico insieme a un ritrovato Volpe.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di Arnaldo Di Gennaro su SportPiacenza.it

Un Nibbiano & Valtidone decimato
perde anche a Luzzara

Fuori Cabrini, Piccolo, Cremona, Jakimovsky e Ramundo.
I nuovi acquisti non incidono
e anche l’attacco più debole del campionato riesce a infilarci,
poi una sterile supremazia.
In classifica scivoliamo al quarto posto

I due nuovi acquisti Elis Kraja, attaccante classe 1985 proveniente dalla Ghisalbese (Eccellenza Lombardia)
e Angelo Rubetti, centrocampista classe 1997 proveniente dalla Pergolettese (serie D).
Il loro innesto non è valso a evitare la sconfitta.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Leggi qui la cronaca di Arnaldo Di Gennaro su SportPiacenza.it

Il Nibbiano & Valtidone
non sa più vincere: 2-2

In vantaggio 2-0 e con un uomo in più si fa raggiungere dalla Sanmichelese.
Le tante assenze non giustificano il calo di tensione nella ripresa.
Cabrini non impeccabile sulle due reti subite.
Buon esordio del nuovo acquisto Martinez



Nei due video il primo gol di Martinez su punizione dal limite
e il bel colpo di testa di Cremona che ha portato all’illusorio doppio vantaggio.

Leggi qui la cronaca di Libertà

A Bibbiano torna il mal di trasferta.
Occasioni sprecate e terza sconfitta

Squadra irriconoscibile dopo la bella prova col Carpaneto.
Almeno cinque palle gol buttate al vento
e la difesa fa due volte harakiri.
Un pessimo arbitro ci mette del suo
negando un chiaro rigore ai valtidonesi
e invertendo numerose valutazioni sui falli.
Finisce 2-1 per i reggiani

Il rigore realizzato da Piccolo a pochi minuti dal termine non ha reso meno amara la pillola della sconfitta.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Il presidente Alberici ospite a Zona Calcio

Valter Alberici tra il presidente onorario del Piacenza Gatti (a sinistra)
e il presidente del Vigor Carpaneto Rossetti durante la trasmissione Zona Calcio di Telelibertà.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Col Carpaneto un bellissimo 0-0
ma ai valtidonesi manca un rigore

Il Nibbiano & Valtidone crea più occasioni della fortissima capolista,
poi l’arbitro sorvola su un netto fallo in area su Cremona

Nella sintesi video di Telelibertà le due traverse colpite da Bianchi e Girometta
e le tante occasioni mancate per un soffio.

Leggi qui la cronaca di Libertà
Leggi qui le interviste del dopo partita

Buon pareggio con la Casalgrandese
ma il Carpaneto vola a +8

Piccolo ancora indisponibile,
Jakimovski e Silva a mezzo servizio.
Cremona lotta ma è troppo solo in attacco

Anche Ramundo cerca il gol sotto la porta avversaria
ma la difesa della Casalgrandese chiude ogni varco.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Volpe e Cremona domano la Fidentina

I valtidonesi, pur privi di Jakimovski, Piccolo e Silva,
tornano ai consueti livelli di rendimento casalinghi
e regolano i tosti avversari con un gol per tempo.

Volpe, autore del primo gol, lanciato a rete in una foto di repertorio
e Cremona (a destra) che ha messo al sicuro il risultato da grande opportunista.

Leggi qui la cronaca di Libertà

In arrivo l’argentino Martinez
per dar man forte alla difesa

Sono in pieno svolgimento le pratiche per il tesseramento del giovane difensore
(classe 1995) reduce dal campionato ungherese di seconda divisione.

Martinez Arturo Emanuel, classe 1995.

Il dirigente generale Giovanni Dotti si sta alacremente adoperando da alcune settimane per arrivare al tesseramento del giovane laterale sinistro italo-argentino Martinez Arturo Emanuel, che viene a completare l’organico difensivo del Nibbiano & Valtidone.

Nato a Buenos Aires il 19 gennaio 1995, Martinez ha la doppia cittadinanza italiana e argentina e attualmente risiede a Parma.
Cresciuto nel settore giovanile del Parma nel 2011-2012, quando la società emiliana era ancora in serie A, è stato ceduto in prestito alla Lupa Piacenza in Eccellenza nella stagione 2012-2013 quando direttore sportivo era proprio il nostro Marzio Merli che quindi lo conosce bene e ne ha perorato l’acquisto a ragion veduta.
L’annata successiva inizia ancora il campionato nella società piacentina, che a seguito della promozione in serie D ha riacquisito il nome di Piacenza Calcio, ma a gennaio 2014, per fine prestito, torna al Parma che lo gira alla Correggese (serie D). Inizia il campionato 2014-2015 nell’A.C. Fidenza, sempre in serie D, per poi passare ai “cugini” della Fidentina in Eccellenza.
L’ultima stagione lo ha visto invece impegnato all’estero nel Tatabanya, seconda divisione del campionato ungherese.
Infine l’approdo al Nibbiano & Valtidone dove, espletate le lunghe pratiche burocratiche, dovrebbe riuscire a debuttare entro la fine del girone d’andata.

A Rubiera riaffiora il mal di trasferta:
valtidonesi puniti da un gran gol di Hoxha

Questa la sintesi del DS Merli:
la Folgore si è aggiudicata questo confronto
con pieno merito dimostrando più qualità
e maggiore determinazione rispetto a noi.
La continuità di rendimento è senza dubbio
un aspetto su cui dobbiamo migliorare.

Jakimovski (a sinistra) e Volpe contro la Folgore Rubiera non hanno ripetuto la bella prestazione sostenuta con la Bagnolese.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Libertà dà spazio
a un grande Piccolo

Importante intervista del quotidiano locale
al nostro bomber (8 reti in 10 partite)

Nella foto grande, l’esultanza di Piccolo dopo un gol al Gotico Garibaldina.
Sotto, il centravanti del Nibbiano & Valtidone in altre azioni da rete.

Leggi qui l'intervista di Libertà

Nibbiano & Valtidone a 5 stelle
domina la forte Bagnolese

Gran partita e bel gioco con le tre punte (e ancora Boselli) tutte a segno.
Secondo posto confermato, col Carpaneto che resta nel mirino

La rete del 3-0, su calcio di punizione dal limite, realizzata da Piccolo tornato al gol con una doppietta.

Leggi qui la cronaca di Libertà

A Fiorano il pari è di rigore

Dopo un sacrosanto rigore realizzato da Jakimovski
l’arbitro ne concede uno fasullo al Fiorano che fa 1-1

Il calcio di rigore realizzato da Jakimovski che ha dato il momentaneo vantaggio al Nibbiano & Valtidone.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Giovani e Prima Squadra
alla ribalta della cronaca

Il quotidiano Libertà
dedica un’intera pagina al Nibbiano & Valtidone
con particolare risalto alle imprese di Juniores e Allievi,
capolista nei rispettivi gironi.
Allievi addirittura a punteggio pieno
con 27 gol fatti e nessuno subito dopo 5 giornate.

La formazione degli Allievi Provinciali vittoriosa col Gragnano per 4-0.
In piedi da sinistra: Daniel Fracchioni, Nicola Maini, Leonardo Toccalini, Mattia Onorati, Marco Gattoni, Luca Raschiani, Mehdi Mrajla, Filippo Alberici, Alessandro Romani, Luigi Dallanoce, Diego Passerini, Karim Chouiref e l’allenatore Fernando Brugnatelli. Accosciati: Luigi Poggi, il vice allenatore Mirko Valorosi, l’accompagnatore Gianfranco Scognamillo, Matteo Ampeli, Andrea Ferri, Luigi Mozzi, Matteo Cassinelli e Mattia Petronio.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Gli Juniores non mollano:
sempre più primi col 2-0 alla Casalese

Posizioni invertite rispetto alla prima squadra:
qui è il Carpaneto a inseguire.
E Sulejmani guida la classifica cannonieri con 14 reti

Una formazione tipo degli Juniores Regionali.
In piedi da sinistra: Marco Tornari (allenatore), Giulio Colla, Mohamed Dabo, Ionut Lupu, William Cameletti,
Lucas Saba, David Rossi, Riccardo Muratori, Christian Di Maggio, Alessandro Varesi,
Maurizio Calchi (vice allenatore).
Accosciati: Gianfranco Scognamillo (accompagnatore), Zakaria El Yamani, Marius Lupu,
Sergiu Gata, Alessandro Calchi, Matteo Comini, Lorenzo Cassinelli,
Federico Parenti, Karim Chouiref, Fausto Maini (accompagnatore).

Leggi qui la cronaca di Libertà

Boselli e Arena bum bum
archiviano la pratica Rolo: 3-1

Il Nibbiano & Valtidone torna alla vittoria
con una prestazione convincente
e si porta a un punto dalla capolista Vigor Carpaneto.

Boselli, al suo terzo centro in campionato, e Marmiroli dominatore a centrocampo.
Volpe, autore di parecchi assist, è parso sulla via del completo recupero.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Brusco atterraggio a Salso di un opaco
Nibbiano & Valtidone. Prima sconfitta

Tre miracoli del portiere avversario e diverse occasioni fallite
impediscono ai blucerchiati di rimediare il gran gol di Morigoni.
Ma la squadra, come a Carpineti, ha rivelato un calo di condizione.

Uno dei tanti forcing infruttuosi del Nibbiano & Valtidone sotto la porta difesa da un eccezionale Bonati.

Leggi qui la cronaca di Libertà

L’inattesa scomparsa di Vittorio Fulgosi

Vittorio Fulgosi

Un grande amico e tifoso della nostra Società ci ha inaspettatamente lasciato. Vittorio Fulgosi, 75 anni, che fu anche presidente dell’A.C. Nibbiano nel campionato 1980-81( la famosa stagione dei record quando i biancazzurri con la quadra allenata da Sandro Alberici conquistarono il loro secondo titolo di terza categoria vincendo quasi tutte le partite con solo due pareggi) negli ultimi campionati era stato un fedele tifoso e sostenitore della squadra biancazzurra.
Anche quest’anno, dopo la nascita dell’ASD Nibbiano & Valtidone, aveva chiesto di poter avere una delle prime tessere d’abbonamento non appena fossero state stampate: eravamo alla fine d’agosto e Vittorio sembrava in eccellente forma fisica e desideroso di seguire l’appassionante avventura della squadra nel campionato di Eccellenza. Poi, d’improvviso, il 7 settembre la scoperta del male subdolo e aggressivo che in sole 3 settimane se l’è portato via. Non mancava però, anche nei suoi ultimi giorni, di chiedere notizie della sua squadra del cuore e quando gli è stato detto che aveva infilato 4 vittorie di fila nelle prime quattro partite è sembrato visibilmente compiaciuto pur nel suo letto d’ospedale.
Il giorno prima delle esequie il capitano della squadra Vincenzo Ramundo, nel farsi portavoce delle condoglianze di giocatori e dirigenti ha portato con sé una maglia del Nibbiano & Valtidone che la famiglia ha deciso di mettere nella bara di Vittorio a testimonianza del grande affetto che lo univa alla Società.

A Carpineti non basta un bel gol di Arena.
Blucerchiati raggiunti nella ripresa: 1-1

Senza la grinta di Cremona in attacco
il Nibbiano & Valtidone fallisce diverse occasioni
e subisce il ritorno dei reggiani

Matteo Cremona (nella foto mentre impegna tre avversari nella partita con l’Axys) è stato costretto al forfait contro il Carpineti.

Leggi qui la cronaca di Libertà

 

Associazione Sportiva Dilettantistica Nibbiano & Valtidone Via Campo Sportivo - 29010 Pianello Val Tidone (PC) - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Codice Fiscale e partita IVA 01721280335
Privacy