banner

 

 

Piccardo un solo tiro (direttamente dalla bandierina) vale la vittoria,
Nibbiano a raffica ma trova un super Aimi a negargli la via del gol

Sul campo di patate di Traversetolo dove il pallone rimbalza a suo piacere, i biancazzurri, orfani dell'infortunato Minasola, incappano in una nuova, del tutto immeritata, sconfitta che ne stoppa ancora una volta la risalita in classifica. E pensare che la squadra ha confermato i progressi dimostrati nella precedente vittoriosa partita con la Modenese e anche alla difesa non si può imputare nessuna pecca se non per quella clamorosa e decisiva "bambola" che al 24' del primo tempo ha consentito a Laribi di infilare Murriero direttamente da calcio d'angolo con tutti - portiere compreso - a guardare, senza intervenire il pallone che entrava beffardo in porta. Per il resto della partita la retroguardia valtidonese, imperniata su un insuperabile Fogliazza, non ha consentito ai padroni di casa di rendersi mai veramente pericolosi. E anche le punte, tra le quali ha brillato un sempre più convincente Federico, hanno creato tantissime occasioni di cui molte finite a lato per un soffio ma almeno tre, che avevavno già fatto gridare al gol, sventate dal diciannovenne portiere Aimi con altrettanti strepitosi interventi. Alla negatività del risultato acquisito sul campo fa però da contrappeso la positività del gioco espresso e dell'impegno profuso che dovrebbero consentire ai ragazzi di Rossini di affrontare con spirito vincente le prossime sfide che, in soli cinque gorni, li vedranno impegnati nel derby casalingo con la Castella Fontana e sul temibilissimo campo del Borgo San Donnino

,

Nelle foto. Sopra, Fogliazza ancora una volta migliore in campo (con Bernardi e Federico) e perno di una difesa che ha avuto un'unica sbavatura sul quel tiro da calcio d'angolo costato la sconfitta. Sotto, Lancellotti in azione (in una foto d'archivio) meno incisivo che nelle precedenti prestazioni, ha avuto due chiarissime occasioni da rete nel finale: la prima clamorosamente fallita, la seconda sventata da un Aimi Superman che ha compiuto
un autentico miracolo nel deviarla.
(Foto Massimo Bersani)

Leggi qui la cronaca di Villaggi su Libertà

 

Un inedito tris di marcatori ribalta la Modenese e la stacca in classifica

Nella partita in cui bomber Minasola si infortuna (e speriamo non gravemente) mister Rossini trova finalmente tre frombolieri in grado di andare in gol al posto suo e di vincere per 3-1 un incontro che si era messo male per i padroni di casa per opera dell'insufficiente arbitro Dumitrascu. Alla mezz'ora,infatti, dopo un promettente avvio da parte del Nibbiano, il direttore di gara omaggiava la Modenese di un generoso rigore, trasformato da Agrillo, negandone subito dopo uno molto più netto ai biancazzurri. La doppia ingiustizia subìta scatenava lo spirito di reazione degli uomini di capitan Fogliazza (oggi con la fascia di comando in sostituzione dello squalificato Jakimovski) che verso la fine del tempo raggiungevano il pareggio con il centrale Celotti imbeccato da Federico. Nella ripresa i valtidonesi si presentavano in campo con lo stesso spirito arrembante e al 12' un Baldini in gran crescendo anticipava Della Corte con un intelligente tocco che Minasola accompagnava in rete senza però toccarlo lasciando così il merito del gol al giovane attaccante che esultava con spettacolari capriole per il suo primo gol in campionato. Raggiunto il vantaggio il Nibbiano non mollava la presa e uno splendido spunto di Blazevic, il cui tiro nel sette veniva miracolosamente deviato da Della Corte, avrebbe meritato miglior fortuna. Ma il terzo gol, quello che chiudeva la partita, arrivava solo allo scadere per opera di un bel colpo di testa in tuffo di Federico, anche oggi il migliore in campo come già nel turno infrasettimanale di Coppa contro il Vigolo. Ora che Fogliazza, Celotti e Bernardi, in attesa del rientro dell'infortunato Boccenti, sembra siano in grado di assicurare maggiore solidità alla difesa e che Minasola ha finalmente trovato dei compagni di squadra in grado di aiutarlo nel mestiere del gol, occorre trovare - a partire dall'insidiosa prossima trasferta a Traversetolo contro il Piccardo - quella continuità di rendimento e di risultati positivi che sola può garantire una definitiva uscita dalla crisi.

Nelle foto. Sopra: Baldini (col numero 8) anticipa il portiere della Modenese e indirizza il pallone in rete per il gol del vantaggio biancazzurro. Al centro: Baldini, esultante per aver portato in vantaggio la sua squadra, viene festeggiato dai compagni. Sotto: la sfera colpita in tuffo di testa da Federico (a terra sulla destra)si infila imparabilmente alle spalle di Della Corte per il 3-1 della sicurezza. (Foto Massimo Bersani)

Leggi qui la cronaca e le pagelle di Gabriele Faravelli su Libertà

 

Brutta ricaduta contro il Colorno con un altro 1-2 casalingo

La crisi del Nibbiano&Valtidone non è purtroppo alle spalle come le due ultime vittorie avevano fatto sperare. Contro i gialloverdi parmensi sono riemersi i difetti cronici che hanno caratterizzato tutta la zoppicante fase iniziale di questo campionato: amnesie difensive e nessuno capace di andare in gol oltre a "rombo di tuono" Minasola anche stavolta inutilmente a segno. Dopo un quarto d'ora arrembante, con Baldini e Minasola a rendersi pericolosi dalle parti di Corradi, il Colorno guadagnava sempre più campo e alla mezz'ora su pasticcio della difesa nibbianese trovava il vantaggio con un' astuto diagonale a fil di palo di Giovannini, trovatosi inopinatamente uccel di bosco. Lo stesso Giovannini faceva doppietta dieci minuti dopo con un gran gol nato da un campanile che il numero sette gialloverde era il più bravo ad addomesticare e a trasformare in un missile imprendibile per Murriero. Sotto di due gol all'intervallo i padroni di casa si ripresentavano in campo con tutt'altro cipiglio e in 5 minuti riducevano le distanze con una fiondata di Mina imbeccato da Blazevic e sfioravano il pareggio con un delizioso tocco di Lancellotti che lambiva la traversa. Poi però, per tutto il resto del tempo, il Nibbiano attaccava in massa ma senza lucidità consentendo agli ospiti un'ordinata difesa che li portava a mantenere il vantaggio sino alla fine, violando così per la quinta volta il "Molinari", ormai diventato per quasi tutti terra di conquista. Agli uomini di uno sconfortato Rossini non resta che cercare il riscatto nel turno infrasettimanale di Coppa contro il Vigolo Marchese e soprattutto domenica prossima contro una rivale diretta per la salvezza, quella Modenese fresca di gloria per esser stata la prima a sconfiggere la primissima della classe Virtus Castelfranco.

Nelle foto. Sopra, il pallone calciato da Minasola (fuori campo) si infila nel sette alle spalle dell'esterrefatto Corradi per l'illusorio 1-2 a inizio ripresa che aveva fatto sperare nella rimonta del Nibbiano. Sotto, una delle tante mischie createsi nel secondo tempo sotto la porta del Colorno ma senza che nessun biancazzurro sia mai riuscito a trovare la zampata del pareggio. (Foto Massimo Bersani)

Leggi qui la cronaca di Giorgio Lambri su Libertà



Associazione Sportiva Dilettantistica Nibbiano & Valtidone Via Belloni, 1 - Nibbiano - 29031 Alta Val Tidone (Piacenza) - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Codice Fiscale e partita IVA 01721280335
Privacy