banner

Il Real Formigine ci impone l'ennesimo pareggio casalingo

Nuovo 0-0 in un "Curtoni" sempre più stregato.
Un altro gol valido di Comi negato dal segnalinee

Purtoppo le buone premesse della prima partita di ritorno, vinta a San Felice, non hanno avuto l'atteso seguito davanti al pubblico amico che si aspettava di poter finalmente assistere a una vittoria e ha dovuto invece accontentarsi del settimo pareggio su nove partite disputate al "Fratelli Curtoni" . 14 punti persi in casa, non è un ruolino adeguato per una squadra che aspira al primato e che si trova ora a un punto dalla vetta solo grazie alle altrettante vittorie in trasferta (anche qui 7 su nove incontri esterni) ma che potrebbe trovarsi sola al comando con ampio margine solo se fosse riuscita a capitalizzare meglio i turni casalinghi. Lo stadio di Borgonovo continua quindi ad essere "stregato" per i colori biancazzurri anche perché Comi si è visto per la seconda volta consecutiva in casa negare una rete che (come quelle non vista dall'arbitro contro il Piccardo) avrebbe dato molto probabilmente la vittoria alla sua squadra. Si era al 26' del primo tempo e certamente il gol del vantaggio avrebbe incanalato la partita in una direzione più favorevole per i padroni di casa. Diciamo però che delle belle trame di gioco che avevamo visto sviluppare la scorsa domenica oggi non c'è sata traccia anche se il dominio territoriale è stato pressochè costante ma con un elevato indice di imprecisione nei passaggi finali, tanto che nel primo tempo, al di là del non-gol di Comi e di una doppia parata di Lanzotti su tiro ravvicinato di Papi e ribattuta di Comi, non abbiamo annotato altre occasioni da rete. Una fiammata a inizio ripresa con gran tiro di Papi su punizione ribattuto da un grande intervento in tuffo di Lanzotti che subito si ripeteva sul tap-in di Ridolfi, ha lasciato presagire che la musica potesse cambiare, ma nemmeno le sostituzioni operate da Mantelli (Aspas e Corbelli per Papi e Comi e successivamente Solinas per Sane) sono riuscite a trovare la chiave per scardinare la difesa degli ospiti che che hanno conseguito il risultato a reti bianche che era nei loro piani, pur disputando l'ultima mezz'ora in 10 per l'espulsione di Macchi e con il solo brivido di un' altra miracolosa parata di Lanzotti su bolide ravvicinato di Solinas a un quarto d'ora dal termine. Note di merito per De Matteo, Baggi, Facciolla e per il debuttante diciannovenne Rocca che ha sostituito l'infortunato Tasevski, luci e ombre a centrocampo dove Papi e Sane non hanno pienamente risposto alle attese e attaccanti da rivedere alla prossima occasione perché stavolta hanno fatto troppo poco per meritare la sufficienza. Grazie al pareggio interno del Colorno riusciamo a mantenere sempre un solo punto di distacco dalla vetta, ci ha però raggiunto sulla seconda piazza la Bagnolese e si è avvicinato a una sola lunghezza il Piccardo Traversetolo. Domenica prossima a Castelfranco (v. locandina) urge riprendere la media trasferta dei tre punti se non vogliamo farci avvicinare dalla stessa Virtus e anche dalla Sanmichelese. Poi tra quindici giorni tra le mura (non tanto amiche) del Curtoni ci aspetta il confronto diretto col Colorno. Due confronti chiave in cui il Nibbiano&Valtidone è chiamato a dimostrare di possedere tutte le credenziali necessarie per poter continuare a battersi per il primato.

Nelle foto: sopra, il gol di Comi al 26' del primo tempo annullato dal segnalinee per un fuorigioco del tutto inesistente: è infatti chiaro che il terzino del Real Formigine Ficarelli è nettamente davanti al nostro attaccante nel disperato tentativo di impedirgli il tiro. Sotto, la strepitosa parata di Lanzotti su bolide ravvicinato del neo entrato Solinas a un quarto d’ora dal termine.

Leggi qui la cronaca di Libertà

San Felice fa dimenticare San Michele

Un Nibbiano&Valtidone ritrovato vince 2-1
e mette il sale sulla coda al Colorno

Com’era negli auspici mister Mantelli è riuscito nel compito di presentare alla ripresa del campionato, sul campo del San Felice una squadra del tutto diversa da quella vista all’opera il 22 dicembre a San Michele che con la sonora sconfitta per 0-3 rimediata aveva mandato di traverso il panettone di Natale ai sostentori valtidonesi. Se ancora non si è rivista la “grande orchestra Mantelli” che ha dato il meglio di sé verso la metà del girone di andata si è però capito che ci sono tutte le premesse perché il Nibbiano&Valtidone torni a giocare quanto prima il ruolo della capolista che è ormai il suo non più recondito obiettivo. Ancora orfana di Aspas e Bernazzani e con Valim solo in panchina ed entrato nell’ultimo quarto d’ora, gli uomini di un rincuorato presidente Alberici, hanno preso in mano da subito le redini della partita: a partire da un incontenibile Comi e dagli altri due “nuovi” Papi e Baggi che si sono più compiutamente inseriti nelle trame del gioco voluto dall’allenatore. A centrocampo un sempre più convincente Facciolla e un ottimo Sanè, bella copia di quello inconcludente visto in campo a San Michele, hanno dato man forte a capitan Jakimovski nel filtrare e rendere innocue le velleitarie offensive dei padroni di casa e nel supportare le punte Comi e Ridolfi: quest’ultimo già al 20’ sembra poter sbloccare il risultato ma il portiere avversario Neri compie un vero miracolo deviandogli il pallone scagliato da distanza ravvicinata. Ci pensa tuttavia Comi, con una doppietta messa a segno negli ultimi dieci minuti del primo tempo a sancire la netta superiorità messa in mostra dai valtidonesi per tutta la prima fase di gioco. Al quarto d’ora della ripresa una bella punizione dal limite di Cremaschi che si infila a fil di palo sembra poter riaprire i giochi, ma Jakimovski e compagni stavolta non sono disposti a far regali e ristabiliscono subito una superiorità territoriale e di gioco che non sfocia in un più ampio punteggio anche per due rigori clamorosamente negati agli ospiti dall’insufficiente arbitro Carvelli di Crotone: il primo per plateale atterramento di Comi (sempre lui) a inizio ripresa e il secondo, nel finale per un altrettanto evidente fallo da ultimo uomo su Bottazzi che avrebbe comportato anche l’espulsione del difensore modenese autore della scorrettezza. Comunque bene così, dato che grazie al contemporaneo pareggio del Colorno col Piccardo Traversetolo abbiamo messo il sale sulla coda alla capolista dalla quale ora ci divide un solo punto. Le positive premesse di cui si diceva sono ora attese alla riprova del l’incontro casalingo col Real Formigine (v. locandina) anche per vedere se nel girone di ritorno riusciremo a sfatare il tabù del “Curtoni” che sinora ha visto troppi punti lasciati per strada tra le mura amiche.

Nelle foto: sopra, la gran parata di Neri su sberla ravvicinata di Ridolfi; in mezzo, Comi dopo essersi liberato di tutti i difensori si avvia a depositare nella porta vuota il gol del vantaggio valtidonese; sotto, ancora Comi (a destra, semicoperto dal n. 3 avversario) dopo aver scartato anche il portiere concede il bis.

Leggi qui la cronaca di Libertà



Associazione Sportiva Dilettantistica Nibbiano & Valtidone Via Campo Sportivo - 29010 Pianello Val Tidone (PC) - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Codice Fiscale e partita IVA 01721280335
Privacy