banner

Un tiro, un gol basta al Fiorano per fare 1-1

Nel modenese un’altra buona semina
ma il raccolto è ancora scarso

Non è bastato un primo tempo che ci aveva visti andare in vantaggio, grazie al rigore trasformato da Di Gennaro, e una ripresa giocata totalmente nell’area degli avversari per portare a casa una vittoria ancora una volta largamente meritata ai punti. Ai modenesi è bastato un solo tiro nell’arco dei 90 minuti per raggiungere, pur senza rubar nulla, un insperato pareggio. Per l’ennesima volta abbiamo dimostrato di essere tecnicamente superiori a una squadra di alta classifica ma per l’ennesima volta le occasioni mancate unite a un’ingenuità difensiva non ci hanno permesso di raccogliere frutti proporzionati alla qualità del gioco espresso. Dopo un prima mezz’ora equilibrata, nella quale comunque i padroni di casa non sono mai riusciti a rendersi pericolosi, il vantaggio giunto al 35’ su rigore, propiziato dall’ atterramento di un eccellente Aspas (vero leader della squadra) proiettato in attacco, sembrava premiare il miglior gioco dei valtidonesi, ma dopo soli sette minuti una imperdonabile leggerezza del pur bravo Marmiroli permetteva a Caputo di calciare a rete dal limite dell’area sorprendendo Matarrese (sostituto di Ziglioli tra i pali) con un tiro apparso non irresistibile. E la frittata era fatta. La ripresa, come già detto, è stata un autentico monologo degli uomini di Perazzi che andavano più volte vicini al vantaggio, in particolare con Jakimovski, che falliva da pochi passi un’invitante palla-gol. Nemmeno l’impegno dell’atteso argentino Pablo Gonzales, debuttante al centro dell’attacco, né l’ingresso nel finale del frizzante Tommy Mandelli riuscivano a cambiare il corso della partita che restava inchiodata su un pareggio che poco ci premia, ma che è anche la conseguenza di alcune lacune, nel complessivo buon rendimento della squadra, che è più che mai urgente riuscire a colmare. L’occasione si presenta già nella prossima sfida casalinga con il Colorno (v. locandina) dove la conquista dei tre punti si pone come un obiettivo da non fallire.

Anche in periodo di scarsa prolificità dell’attacco valtidonese e malgrado la pubalgia che lo affligge è quasi sempre lui, Daniele Di Gennaro, che riesce a metterla dentro o su azione o su calcio piazzato. Anche contro il Fiorano il nostro bomber non ha fallito il calcio di rigore assegnato (e fatto ripetere due volte) dall’avveduta direttrice di gara Chiara Sangiorgi. Nella foto, la sfera magistralmente calciata da Di Gennaro mentre sta per infilarsi a fil di palo con Vias vanamente proteso in tuffo.

Leggi qui la cronaca di Libertà

Per un’ora la partita perfetta, poi la resa

Sul più bello (2-0) finisce la benzina
e la Correggese ci supera di slancio (2-3)

Per tutto il primo tempo e i dieci minuti iniziali del secondo abbiamo davvero fatto vedere i sorci verdi alla fortissima capolista mandandola sotto di due reti. E se vogliamo vedere il bicchiere mezzo pieno di questa bruciante ma onorevolissima sconfitta diciamo subito che per un’ora abbiamo potuto ammirare il miglior Nibbiano&Valtidone degli ultimi due anni, sia a livello di gioco che di personalità. Peroni giganteggiava in una difesa ben registrata intorno all’asse Davini - Di Placido mentre Aspas, Marmiroli e Jakimovski costituivano un insuperabile filtro a centro campo capace di smorzare le pur veementi offensive degli avversari e di sostenere, sulle fasce, le punte Di Gennaro e Mandelli portando spesso lo scompiglio nella difesa biancorossa. Tanto è vero che nella prima frazione, oltre alla splendida inzuccata-gol di De Matteo i valtidonesi hanno creato almeno quattro nitide occasioni da rete contro una sola dei reggiani, ben neutralizzata in angolo da Ziglioli. Quando, al primo giro di lancette della ripresa Di Gennaro siglava il raddoppio con un gol dei suoi a fil di palo sembrava proprio che la clamorosa vittoria sulla più forte squadra del girone fosse davvero a portata di mano. Invece, improvvisamente, il centrocampo andava in affanno per il gran dispendio di energie profuso, mentre gli ospiti, con l’ingresso di Mustica e Corbelli imprimevano ancora maggiore slancio a un ritmo di gara già elevatissimo aggredendo la nostra difesa non più adeguatamente protetta riuscendo a ribaltare il risultato in soli 19 minuti. L’ingresso di Gomis e Filipov a meno di dieci minuti dal termine – a partita ormai compromessa – è apparso tardivo e sarebbe probabilmente stato meglio effettuarlo a inizio ripresa quando si sono palesati in alcuni atleti i primi sintomi di carenza d’ossigeno. Ma si sa che del senno di poi son piene le fosse… Ora a mister Perazzi non resta che ripartire dal tanto di buono che i suoi ragazzi hanno fatto vedere in questa partita e nella trasferta di Fiorano, terza forza del campionato (v. locandina), dove potrà finalmente disporre del nuovo centravanti Pablo Gonzalez, tornare a inseguire quella vittoria troppe volte sfuggita per un soffio ma che può e deve essere nel DNA di questa squadra.

Il pallone perfettamente inzuccato da De Matteo si infila proprio nel sette della porta difesa da un esterefatto Sorzi. E’ il 25’ del primo tempo, il periodo in cui la squadra del presidente Alberici esprime il suo gioco migliore. Poi, nella ripresa, il raddoppio, il calo e la sconfitta. (Foto Massimo Bersani) .

Leggi qui la cronaca di Libertà

 Guarda qui la sintesi video di Telelibertà

 



Associazione Sportiva Dilettantistica Nibbiano & Valtidone Via Campo Sportivo - 29010 Pianello Val Tidone (PC) - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Codice Fiscale e partita IVA 01721280335
Privacy